30.5 C
Rome
venerdì 20 Maggio 2022
SportCalcioGiallorossi stanchi, Italiano prende i 3 punti: Fiorentina-Roma 2-0, il Pagellone

Giallorossi stanchi, Italiano prende i 3 punti: Fiorentina-Roma 2-0, il Pagellone

La squadra di Italiano gioca una gara di dominio e si impone sui giallorossi apparsi stanchi dopo le fatiche di Conference: Fiorentina-Roma 2-0. Partenza lanciata della Viola che passa dopo 5’ grazie a un rigore (molto dubbio) che Nico Gonzalez si procura e trasforma. La squadra di Mourinho non reagisce e all’11’ subisce il 2-0 da Bonaventura. Due i tentativi giallorossi: una punizione di Pellegrini e un colpo di testa di Abraham. Nel finale qualche scampolo di gara anche per Spinazzola. Nel post partita l’allenatore giallorosso furioso per l’arbitraggio. Il Pagellone del colonnello Lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

Fiorentina-Roma 2-0, il Pagellone

Fiorentina-Roma 2-0  (Gonzalez 5’ (r), Bonaventura 11’)

 

Terracciano 6 si riscatta dalla dormita contro il Milan con una prestazione attenta. È poco impensierito dai giallorossi ma quando viene chiamato in causa risponde presente! Una sola volta al minuto 20.

Venuti 6 una sola disattenzione nel secondo tempo. Per il resto tutto ok.

Milenkovic 6.5 legge bene gli attacchi giallorossi e si fa sempre trovare al posto giusto.

Igor 6.5 prestazione solida. L’attacco romanista è ectoplasmatico ma il centrale carioca concede ben poco.

Biraghi 6.5 spinge, crossa e controlla Karsdorp.

Bonaventura 7 si infila nel corridoio gentilmente concesso dalla difesa romanista e segna di sinistro con un tiro in buca d’angolo. Farebbe anche un secondo goal annullato per fuorigioco di Biraghi. In mezzo qualità e quantità.

Amrabat 6.5 non è Torreira ma ha caratteristiche importanti che esaltano il centrocampo Viola.

Duncan 6.5 ci mette un po’ a carburare. Nella ripresa ha più spazi e distribuisce più palloni.

Gonzalez 7.5 segna il rigore che sblocca la partita. È in serata di grazia e con la sue giocate mette apprensione alla difesa avversaria.

Cabral 6 partita generosa ma sotto porta è pericoloso quanto un nano da giardino.

Ikoné 6.5 palla al piede infiamma la tifoseria Viola. Riuscisse anche ad essere più concreto non sarebbe male.

Piatek dal 75’ s.v.

Maleh dal 75’ s.v.

Saponara dal 90’ s.v. tenta un tiro da fuori

Callejon dal 90’ s.v.

Terzic dal 90’+1’ s.v.

Italiano 7

dopo le quattro sconfitte consecutive si vede una bella Fiorentina che conquista tre punti preziosi in chiave europea. Ora testa alla Sampdoria.

 

Roma

Rui Patricio 5.5 spiazzato sul rigore. Non arriva sulla conclusione di Bonaventura. Serata non semplice.

Mancini 5 oltre al solito giallo, non riesce a farne a meno, non ci capisce nulla su Nico Gonzalez e su tutti quelli che passano dalle sue parti.

Smalling 6 dei tre difensori è quello che regge l’urto. Controlla bene Cabral.

Ibaňez 4 non riesce mai a fermare Ikoné e non si capisce per quale motivo non chiuda su Bonaventura. Il dodicesimo in campo. Dei Viola.

Karsdorp 5 in avanti non incide mai ed è protagonista in negativo in occasione del rigore dei Viola.

Cristante 6 lotta in mezzo e strappa qualche pallone. Peccato che non ne sortisca nulla.

Veretout 5 torna titolare e dopo questa prestazione tornerà in panchina fino alla fine del campionato.

Zalewski 5.5 tanta corsa e qualche incomprensione con Ibaňez, ad esempio in occasione del goal di Bonaventura. Mette in mezzo l’occasione di Abraham.

Oliveira 4 ennesima prestazione balneare del simpatico portoghese. Ovviamente sostituito nell’intervallo.

Pellegrini 5 a parte su punizione non si vede mai.

Abraham 5 un solo colpo di testa nella ripresa. Finisce in mezzo ai difensori avversari.

Zaniolo dal 46’ 5 entra per cambiare il volto della partita. Nom combina nulla.

El Shaarawy dal 66’ 5.5 ci prova ma non mette in crisi la difesa avversaria.

Perez dal 75’ s.v.

Spinazzola dal 90’ s.v. bentornato

Shomurodov dal 90’ s.v.

Mourinho 5.5

Sicuramente la partita contro gli inglesi si è fatta sentire a livello fisico e mentale ma i suoi ragazzi non hanno mai insidiato gli avversari. Dopo dieci minuti la pratica era chiusa. A questo punto la finale di Conference diventa la partita più importante dell’anno.

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

 

 

 

 


Enrico Zerbo
Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli