12.6 C
Rome
martedì 17 Maggio 2022
PolisMaurizio Acerbo: Italia dica no a ingresso Svezia e Finlandia nella Nato,...

Maurizio Acerbo: Italia dica no a ingresso Svezia e Finlandia nella Nato, anzi usciamo noi prima possibile

Maurizio Acerbo: “L’ingresso nella Nato di Svezia e Finlandia non fa che accrescere la tensione internazionale nel mentre già corriamo il rischio della terza mondiale.”

Maurizio Acerbo: Italia dica no a ingresso Svezia e Finlandia nella Nato,

Questo il commento del Segretario di Rifondazione comunista sul possibile ingresso dei due paesi scandinavi nell’alleanza atlantica:

“Il nostro paese dovrebbe assumere una posizione contraria avvalendosi del diritto di veto previsto nei trattati Nato.

Sarebbe un’iniziativa di distensione verso la Russia che riaprirebbe canali per una trattativa.

È una tragedia che a dire no sia solo Erdogan e per ragioni opposte alle nostre che siamo da sempre solidali con la causa curda. 

Svezia e Finlandia fanno parte dell’Unione Europea e quindi sono già legate da un patto di mutua difesa. Inoltre non hanno conflitti con la Russia come quelli che hanno insanguinato l’Ucraina dal 2014.

Si può e deve criticare il nazionalismo putiniano ma è indubbio che dal 1991 gli USA e la Nato hanno rigettato le richieste russe per un sistema di sicurezza comune.

Non stupisce che sia la Gran Bretagna, fedele alleato degli USA in tutte le guerre imperialiste, a premere per l’ingresso immediato. 
Suscita orrore la presa di posizione della responsabile esteri del Pd Lia Quartapelle che conferma la deriva guerrafondaia del Pd.

L’Italia è diventata non solo la piattaforma militare degli USA nel Mediterraneo ma anche la quinta colonna all’interno dell’UE con un servilismo che fa solo danni al nostro paese e alle prospettive di pace.

Ingigantire la minaccia russa serve solo a legittimare il riarmo NATO che prepara scontro anche con Cina.

Putin non è riuscito a vincere contro l’Ucraina e vogliono farci credere che potrebbe conquistare l’Europa?

Solo una politica di distensione può fermare questa escalation folle che non fa che cementare nazionalismo russo e creare una frattura sempre più grave e minacciosa.

La Nato è un fattore di destabilizzazione e andrebbe sciolta e l’UE dovrebbe liberarsi da quest’abbraccio mortale. 

Per svolgere un ruolo di pace e liberarsi delle testate nucleari che  sono nel nostro paese è sempre più attuale la lotta per l’uscita dell’Italia dalla Nato. 

Invece di dire si all’ingresso di nuovi paesi usciamo noi dalla Nato. La Svezia di Olof Palme dimostrò che è possibile una politica neutrale e di pace.”

Non ci convincerete che armare la guerra vuol dire cercare la pace

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

 

 


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli