15.3 C
Rome
martedì 17 Maggio 2022
NewsRenzi: "Berlusconi non ha alcuna chance per il Quirinale. Di Maio vuol...

Renzi: “Berlusconi non ha alcuna chance per il Quirinale. Di Maio vuol far fuori Conte”

Renzi: “I numeri non ci sono. Qualcuno dovrebbe dirglielo ma Berlusconi è circondato solo da yes men”

Quirinale, Renzi: “Berlusconi non ha alcuna chance di essere el

Il leader di Iv Matteo Renzi, parlando a Radio Leopolda, smonta la candidatura di Silvio Berlusconi a Presidente della Repubblica: “Non ha alcuna chance di essere eletto al Quirinale. I numeri non ci sono. Qualcuno dovrebbe dirglielo ma Berlusconi è circondato solo da yes men”.

“Basta con questo atteggiamento compro-baratto e vendo – aggiunge Renzi – qualcuno glielo dica a Berlusconi. Io credo che anche per la Meloni e Salvini, quella di Berlusconi sia un’operazione a perdere. Il centrodestra se insiste porta Berlusconi a sbattere e viceversa”.

“O va Draghi al Colle e questo ha una logica e allora il patto di legislatura ha un senso, come ha un senso il governo con tutti i leader di partito dentro. Ma se Draghi resta a Chigi, allora bisogna trovare un leader credibile che prenda anche i voti” afferma l’ex premier.

Governo Draghi Berlusconi si, Meloni no, Salvini nì

Renzi poi sottolinea: “Se alla quarta votazione il candidato x-y arriva a 497 voti, alla quinta votazione il 28 gennaio, venerdì prossimo, saremo al caos istituzionale. Trovo ragionevoli le parole di Enrico Letta che ha detto una cosa seria, proponendo di metterci tutti intorno a un tavolo e fare un patto di legislatura. Se Letta potesse andrebbe a votare domani ma io non credo si possa andare a votare nel 2022”.

Infine sui 5Stelle “non solo sono fuori controllo, sono divisi: una parte risponde a Conte, anche se Conte non ha ancora deciso nulla. Il vero problema di Conte è evitare di fare la figura di apparire come quello che non conta una mazza – afferma Renzi – Di Maio sta facendo un corso di doroteismo, lui vorrebbe assomigliare a Forlani e Rumor ma quelli erano statisti. Di Maio resterà dentro alla partita, perché ha un obiettivo: fare fuori Conte, per fare in modo che nel 2023 sia lui a gestire le candidature”.

Contrordine italiani, la povertà non è stata abolita!

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli