17.6 C
Rome
mercoledì 18 Maggio 2022
TecnèSpettacoloVicidomini: "Da grande voglio cadere dai palchi"

Vicidomini: “Da grande voglio cadere dai palchi”

 

“Da grande voglio cadere dai palchi”

Da grande voglio cadere dai palchi. Quindi vorrei fare l’attore e il cantante e il musicista. Per coronare questo sogno mi attrezzerò per frequentare l’accademia d’arte drammatica e il conservatorio e il Dams. Posti dove si impara a fallire e a cadere.

Il mio metodo preferito nella caduta è il metodo Strasberg, perché ti fai male veramente e può uscire pure il sangue.

Il mio punto di riferimento è e rimane anche adesso Massimo Ranieri quando fa le flessioni. Ma anche Mario Tessuto quando canta. Mi piacerebbe fratturarmi una gamba. Sempre la stessa. Per una questione di stile. La frattura è il marchio di fabbrica dell’artista.

Il sogno del cassetto sarebbe cadere di testa dal palco della Scala. Sperando che nessuna pelliccia in prima fila attutisca il colpo. Sono contro le pellicce perché sono contro lo scuoiamento della vecchia. Quando la vecchia viene scuoiata fa pena perché ti trafigge il cuore con le sue emissioni gutturali. Preferisco lo scuoiamento della volpe e dell’indiano perché hanno più dignità, si lamentano meno, anche se hanno meno soldi.

Forza Massimo. Forza Napoli. Forza India.

Il più grande comico morente Nicola Vicidomini

 

Nicola Vicidomini in Fauno (foto di Claudio Castello)

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche


Nicola Vicidomini
Nicola Vicidomini
È considerato un innovatore del linguaggio umoristico. Autore e interprete dei successi teatrali Scapezzo, Veni Vici Domini e Fauno, è stato protagonista di programmi televisivi come Stracult (Rai 2) e Colorado (Italia 1). "Dedicata al suo lavoro la monografia intitolata Il più Grande Comico Morente" (Mimesis Ed.)

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli