-4.1 C
Rome
domenica 23 Gennaio 2022
SportCalcioInizia la Serie A e per il calcio in tv è l'anno...

Inizia la Serie A e per il calcio in tv è l’anno zero: cosa si riuscirà a vedere?

Il campionato che sta per iniziare è anche l’anno della rivoluzione per il calcio in tv. Se riuscite però a capirci qualcosa…

Calcio in tv: è l’anno zero

Dopo 20 anni di SKY i presidenti, sempre alla ricerca di denaro per mantenere un circo che economicamente non sta in piedi, hanno ottenuto da Dazn i soldi che volevano, e hanno mandato in soffitta il canale di Murdoch.

In realtà non è più di Murdoch ma è Comcast che nel 2018 ha acquistato SKY plc per la modica cifra di 30,6 miliardi di sterline. Dazn sono 3 anni che trasmette le partite della serie A, 3 partite su 10, e pagandole anche una cifra considerevole.

Il problema di Dazn è che trasmette in streaming, quindi in internet, in una nazione, la nostra, che ha una connessione mediamente lenta. Immaginiamo di avere come server un VIC 20 e come banda una cannuccia. Il confronto con il resto d’Europa è questo.

Trasmettere in internet vuol dire trasmettere in ritardo, e se il ritardo fosse anche di soli 30 secondi, la scritta live che vediamo nel televisore è una palese presa in giro. Internet in Italia è questo, non solo per Dazn, se avete provato a seguire 90 minuto alla radio usando il computer è la stessa cosa. I goal arrivano in ritardo, quando va bene.

Inizia la Serie A e per il calcio in tv è l'anno zero: cosa si riuscirà a vedere?

Torniamo agli esordi di Dazn che quando trasmetteva le partite di Inter, Juventus, Milan scatenava le proteste nei social di tifosi che impazzivano per i continui problemi nel vedere la partita. Passavano i mesi, i servizi non miglioravano e Dazn fu costretta ad affittare da Sky un canale satellitare per trasmettere le loro 3 partite. Chi voleva rimanere in streaming poteva farlo, rischiando di non vedere la partita, o di vederla praticamente in differita, chi invece utilizzava l’ex canale Sky vedeva tutto senza problemi.

Nel campionato concluso a maggio l’incontro tra Inter vs Cagliari in molte parti d’Italia non lo vide nessuno. Ancora adesso sono misteriosi i motivi, ma furono talmente tante le proteste che Dazn regalò un mese di abbonamento a tutti i tifosi che non riuscirono a vedere la partita.

Con questa situazione ha destato molta perplessità nei tifosi la scelta di far trasmettere a Dazn 7 partite su 10, quello che faceva Sky, e 3 su 10 a Sky, quello che tentava di fare Dazn. Inutile dire che Dazn assicura che è stato tutto potenziato e che non ci saranno problemi ed ha stretto alleanza con TIM per dare solidità all’offerta.

Nessuno può dire se ci saranno problemi o meno. Bisognerà attendere i primi big match, che non saranno visti dai parenti dei calciatori in campo, e vedremo se Dazn riuscirà a garantire un servizio eccellente oppure se sarà la replica di Inter vs Cagliari giocata lo scorso aprile.

In tutta questa incertezza tecnologica il tifoso deve anche riuscire a districarsi tra le varie offerte. Pensiamo che siano molto pochi quelli che hanno capito chi trasmette cosa. Prima era facile, trasmetteva praticamente tutto Sky, non certo ad una cifra regalata, ma almeno uno sapeva dove andare a comprare.

 

Il grande spezzatino…

Cerchiamo di fare chiarezza: Seria A, 7 partite a Dazn e 3 partite a Sky. Champions League, la potete vedere su Sky e NowTv, e, in streaming, su Mediasetinfinity. Canale 5 trasmetterà 17 partite il martedì sera in chiaro Ma non è finita perchè Amazon Prime trasmetterà la miglior partià del mercoledì sera dai gironi alle semifinali.

Invece l’Europa League è trasmessa da Dazn che trametterà anche il meglio della Conference League. Mentre tutta la Conference League la trasmette Sky sul canale streaming di Nowtv. Se non sapete cosa sia la Conference League non è un grosso problema.

Invece la serie B è trasmessa da Dazn, da Sky e da Helbiz che è il canale dei monopattini. Inutile che ridete perchè è veramente il canale dei monopattini, pensiamo sia elettrici che alla Fred Flintstone. La scelta della serie B di vendere il prodotto a più operatori, che la proporranno a prezzi diversi, si è rivelata vincente perché hanno incassato molto di più di quello che si aspettavano.

Insomma la serie A dovrebbe considerare, per il futuro, questo approccio diverso che ha avuto la serie B.

La cosa certa è che con un solo abbonamento non si va da nessuna parte, a parte chi vuole seguire la serie B, e di conseguenza bisogna spendere. Spendere senza avere la certezza di vedere la partita. Non solo non sei sicuro se la tua squadra vincerà ma non neppure di poter vedere la partita. Non è meraviglioso? Campionato IO TI AMO.

Covid, Messi e Rovella la bolla del calcio sta per esplodere

 

Leggi anche


Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli