-2 C
Rome
venerdì 21 Gennaio 2022
SportCalcioGran Bazar Inter: Suning empatia zero con l'interismo

Gran Bazar Inter: Suning empatia zero con l’interismo

L’ormai certa partenza di Lukaku ( a meno di imprevedibili colpi di coda) e la spaccatura  tra le varie anime della società, sta provocando un terremoto in casa Inter. Quello che emerge è l’approccio dell’universo manageriale cinese, lontanissimo dalle nostre abitudini; le società nostrane, spesso in maniera anche ipocrita, per calcolo, cercano un apparente empatia con l’ambiente in cui operano. Loro no. Suning empatia zero con i tifosi: Zhang ha investito somme notevolissime nel ramo sportivo, basti pensare allo Jiangsu, per poi smantellare il tutto un minuto dopo aver vinto il campionato cinese.

Suning empatia zero con l’interismo

Sembra così lontano il 2 maggio 2021 quando l’Inter vinse il suo diciannovesimo scudetto. Da quel giorno di festa sono andati via Conte, Oriali, Hakimi e Lukaku. Sul belga non c’è l’ufficialità ma tutto fa pensare che l’affare si farà.

Affare per il Chelsea e per Suning non certo per il popolo nerazzurro. Il campione belga andrà a guadagnare circa 300000 euro a settimana e nelle casse di Suning 130 milioni di euro. Si parla del suo sostituto ed nome più gettonato è quello del colombiano, in forza all’Atalanta, Duvan Zapata.

Più che un ridimensionamento della rosa si può tranquillamente dire che la proprietà sta letteralmente smontando la squadra. Anche il tifoso più ottimista pesa entrate ed uscite.

Al capito entrate Cordaz, lo scorso campionato portiere della difesa più perforata d’Europa, e Calhanoglu preso perchéa parametro zero, altrimenti c’è il sospetto che non sarebbe arrivato nemmeno il sostituto di Eriksen. Al capitolo uscite i già citati Hakimi e Lukaku e la speranza che si finisca qui.

Sorpresa: Calhanoglu all'Inter! Ma il Milan che fa?

Ci sono ancora 26 giorni di mercato a questo punto tutto è possibile. La motivazione del Covid ha un fondo di verità, negarlo ci farebbe passare come una parodia di Diego Fusaro, ma facciamo anche notare che il Borussia Dortmund resiste ai tentativi di strappargli Haaland. Oltre al fatto che la proprietà aveva assicurato che Hakimi sarebbe stato, nel nome della stabilità finanziaria, l’unico sacrificato.

Non è proprio così e quindi non era il caso di fare promesse renziane ai tifosi che ci hanno pure creduto. Ci manca giusto l’immagine di Renzi che dice ai tifosi interisti “State sereni”. C’è poco da star sereni e purtroppo c’è anche poco da fare quando la tua proprietà è a 8000 km di distanza.

Puoi giusto prendertela con la dirigenza con il rischio di far scappare pure Marotta così il delitto perfetto sarà consumato. A memoria non si ricorda una situazione piú kafkiana di questa. I 26 giorni di mercato che restano si spera che vengano impiegati per rendere la squadra competitiva.

Sorpresa: Calhanoglu all'Inter! Ma il Milan che fa?

Per i tifosi, che non meritano questo, ed anche per Simone Inzaghi che pensiamo non si aspettasse uno scenario simile. Ed anche per il Gruppo cinese che rischia di passare non solo per prima proprietà straniera a vincere in Italia, e la prima cinese in Europa, ma anche di dare l’immagine di un gruppo di mitomani che promettono una cosa e fanno esattamente il contrario.

Non siamo ai livelli del milanista Yonghong Li, che aveva gli uffici in seminterrati polverosi, ma non danno neppure l’idea di serietà ed affidabilità. Ad oggi ci è difficile credere che potranno onorare il prestito con il Fondo americano.

Quindi prima di passare di proprietà al Fondo è necessario non andare affondo. Non vorremmo essere nei panni di Marotta ed Ausilio che dovranno, a 16 giorni dalla prima con il Genoa, sostituire un giocatore che con l’ambiente, a livello empatico, non ha eguali nella storia recente nerazzurra.

Come non hanno eguali i proprietari cinesi nella storia secolare dei nerazzurri. Ma il loro è un primato di cui non dovrebbero andare fieri.

 

Leggi anche


Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli