Quotidiano on-line ®

23.5 C
Rome
giovedì, Luglio 7, 2022

A Sarri il primo derby, Mourinho furioso: Lazio-Roma 3-2-il Pagellone

Sarri si prende il primo derby della capitale battendo Mourinho al termine di una  partita divertente ed emozionante, sempre in bilico fino alla fine che i biancocelesti hanno vinto grazie ad una maggiore organizzazione e alle ripartenze micidiali di Pedro e Felipe Anderson. La Roma paga a caro prezzo una prima mezz’ora terrificante. Furioso Mourinho con l’arbitro Guida per alcune scelte arbitrali. Lazio-Roma 3-2, il Pagellone di Lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

Lazio-Roma 3-2, il Pagellone

Lazio-Roma 3-2 (Milinkovic Savic 10’, Pedro 19’, Ibaňez 41’, Anderson 63’, Veretout 69’ r)

 

Reina 7 grandi parate su Veretout nel primo tempo e Zaniolo nella ripresa. Intuisce il rigore del francese. Da sicurezza al reparto.

Marusic 6.5 tanta corsa. Vince il duello con El Shaarawy. Non preciso nei cross.

Luiz Felipe 6.5 chiude bene gli spazi e fa ripartire l’azione. Regista della difesa.

Acerbi 6.5 la solita partita attenta e di sostanza. Si immola su un tiro di Mkhitaryan.

Hysaj 6 fatica su Zaniolo ma non molla mai.

Milinkovic Savic 7.5 sblocca il derby con un imperioso stacco di testa. Patricio quasi lo decapita. Si alza e riprende la battaglia.

Leiva 6.5 recupera palloni e fa ripartire l’azione. Fin quando ha fiato.

Luis Alberto 7 sfrutta gli spazi e lancia i compagni. Deliziosa la verticalizzazione su Immobile da cui nasce il 3-1.

Anderson 7.5 fa impazzire Viña. Disegna il cross per la rete di Milinkovic e segna la rete del 3-1. In mezzo scorribande sulla fascia che mettono a ferro e fuoco la difesa romanista.

Immobile 7 anima della Lazio. Gli manca solo il goal ma manda in rete Pedro ed Anderson. Prova maiuscola.

Pedro 7 ex atteso che non tradisce le aspettative. Gran goal nell’angolino sotto la curva romanista. Il delitto perfetto.

Cataldi dal 60’ 6 si batte con ardore in mezzo al campo.

Akpa Akpro dal 66’ 5.5 provoca il rigore che riporta in partita la Roma. Ha la palla del 4-2 e sviene in mezzo all’area.

Muriqi dall’89’ s.v.

Sarri 7

Primi 20 minuti di Sarrismo puro. Nella ripresa partita più equilibrata ma vittoria meritata per qualità, ardore ed equilibrio tattico. Una bella vittoria da cui ripartire.

Empoli-Lazio 1-3, buona la prima: il commento di Maurizio Sarri

Roma

Patricio 5.5 non ha responsabilità sulle reti subite. Su Milinkovic Savic esce in un modo assurdo e senza senso, sembra che voglia far male.

Karsdorp 5 nel primo tempo viene sistematicamente saltato da Pedro. Sulla prima rete laziale legge male l’azione e fa la diagonale in ritardo. Dalle sue parti una prateria per i laziali. Un po’ meglio nella ripresa.

Mancini 4.5 un incubo. Milinkovic Savic si infila e segna di testa. Immobile lo salta come un birillo nel terzo goal laziale.

Ibaňez 6 anche per lui partita faticosa ma ha il merito di riaprila a fine primo tempo. Stacca di testa e batte Reina.

Viña 4 Anderson lo ubriaca. Non ci capisce niente per tutta la partita. Un esordio nel derby da incubo.

Veretout 5.5 sul vantaggio biancoceleste non segue l’uomo. Lotta come un leone e tiene in vita la Roma su rigore.

Cristante 6 non molla mai anche se spesso si trova in mezzo ai centrocampisti avversari. Pugnace.

Zaniolo 7 sfiora il goal nel primo tempo, lotta, si procura il rigore, costringe Reina ad una super parata. Finché rimane in campo guida la riscossa dei suoi.

Mkhitaryan 5 fa poco e quel poco male. Ha una buona occasione ma colpisce malissimo la palla.

El Shaarawy 5 inconsistente ed inutile. Non ci mette cattiveria e sono solo giocate senza logica. Dannoso.

Abraham 5 tanto lavoro sporco ma pericolosità vicina allo zero.

Shomurodov dal 64’ 6 quando entra l’attacco da segni di vita. Impegna Reina.

Perez dal 77’ s.v.

Zalewski dall’82’ s.v.

Smalling dall’82’ s.v.

Mourinho 5

La sua Roma non molla fino alla fine ma lui legge male la partita. I primi 20 minuti sono un monologo biancoceleste e la scelta degli undici iniziali non sembra strepitosa. In alcuni suoi giocatori non c’è la giusta motivazione.

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

Enrico Zerbo
Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli