Quotidiano on-line ®

33.2 C
Rome
giovedì, Luglio 7, 2022

La scandalosa retromarcia dei media italiani su Cristiano Ronaldo

Per tre anni ci hanno raccontato la favola del Principe Azzurro ma è arrivato il contrordine dei media italiani su Cristiano Ronaldo: era la strega cattiva.

I media italiani su Cristiano Ronaldo: ci siamo sbagliati

Questa vicenda ricorda quella dei tantissimi funzionari italiani che, nell’immediato dopoguerra, corsero a sostituire le foto di Mussolini dalle scrivanie degli uffici con quelle di De Gasperi.

Quello che sta accadendo con Cristiano Ronaldo ha dell’incredibile: il fuoriclasse portoghese, che nei tre anni in cui ha vestito la casacca della Juventus è stato raccontato dai media nostrani, istante dopo istante, come nemmeno l’Istituto Luce del ventennio avrebbe fatto, è stato scaricato all’unisono, fragorosamente, alla notizia del suo passaggio al Manchester United.

La narrazione, quasi come ci fosse una regia, ha cominciato a raccontarlo quasi come un pacco, roba da non credere!

Il re è nudo: si può scrivere che Ronaldo è un flop?

Basta guardare quello che è accaduto negli studi di Sky alla notizia della cessione di CR7: in pochi minuti distruggono il portoghese rimangiandosi tre anni di apologia del marziano, l’alieno, l’uomo che saltava a mezzo metro da terra, mr addominali, il collezionista di auto, colui che vendeva gli slip col suo nome, l’uomo che si ripagava attraverso le magliette, il più grande campione dell’universo conosciuto.

Bonan, Marocchi, Bucciantini e Condò raccontano di Ronaldo quasi come fosse un Renato Gaucho…

Bonan: “Mi è sempre sembrato un corpo a se’ stante. Che non si fosse integrato nel nostro Paese era abbastanza chiaro a tutti”.

Marocchi: “Meno male che è finita. Nello spogliatoio sono anche contenti che sia finita, credo”.

Bucciantini: “Ronaldo lo dovevi aggiungere ad una squadra, che invece si è logorata. La Juve ha smesso di vincere anche in Italia”

Condò: “Dal punto di vista umano mi aspettavo un’empatia con l’ambiente molto superiore. Lui ha trasformato il calcio in uno sport individuale”.

Sembra di esser finiti in una puntata di Black Mirror…

 

Con un minimo di onestà, dal lato puramente esportivo, possiamo dire che se la media gol di Ronaldo in questi anni si è mostrata comunque di tutto rispetto, il suo impatto è stato meno determinante di quanto ci si aspettasse. La Juventus ha iniziato il suo ciclo vincendo con Vucinic e Matri, per poi continuare con Higuain. Era piuttosto scontato che inserendo un crac come Ronaldo, seppur con un carta d’identità avanzata, i gol sarebbero continuati a piovere. Ma per il salto di qualità europeo la missione è miseramente fallita.

 

DI MARZIO CALCIOMERCATO: JUVENTUS RONALDO E’ FINITA !

 

Leggi anche

Il premio "Calciatore del secolo" è una cag... pazzesca!

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli