Quotidiano on-line ®

26.7 C
Rome
giovedì, Luglio 7, 2022

Cuore e batticuore a San siro: Inter-Atalanta 2-2, il Pagellone

Non ci si è annoiati a San Siro: gol, pali, rigori sbagliati, Var e polemiche. Gran gol di Lautaro, Malinovskyi e Toloi la ribaltano. Nella ripresa pareggia Dzeko, Dimarco sbaglia un rigore e il Var annulla a Piccoli il gol vittoria in un caldissimo finale. Handanovic ancora  in versione “batticuore”. Inter-Atalanta 2-2, il Pagellone del colonnello Lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

Inter-Atalanta 2-2, il Pagellone

Internazionale-Atalanta 2-2 (Martinez 5’, Malinovskyi 30’, Toloi 38’, Dzeko 71’)

 

Handanovic 5 è schierato per dare un po’ di suspence a partite che avrebbero il destino già scritto. Salva su Ilicic ed il Var salva lui.

Skriniar 4 si fa una bella dormita sul pareggio di Malinovskyi che ha il tempo di ordinare uno spritz prima di tirare. Sulla rete di Toloi tiene in gioco l’orobico.

De Vrij 6 fa a botte in senso filosofico con Zapata e rischia la zampata vincente nel secondo tempo.

Bastoni 6 prende un giallo da pollo nel primo tempo. Non si scompone e chiude bene sugli atalantini che passano dalle sue parti.

Darmian 6 parte bene mettendo in crisi Gosens. Duro giusto un quarto d’ora. L’Atalanta prende campo sulla fascia e lui, elmetto in testa, respinge gli assalti dei barbari invasori. Non tira fuori dal cilindro il consiglio come in altre occasioni.

Barella 7 fa il quinto assist vincente e palla al piede inventa sempre calcio. In alcuni tratti predica nel deserto.

Brozovic 6 si illumina a tratti e la squadra patisce la sua schizofrenia tattica. Avendo i capelli gialli alla Boris Johnson non puoi non notarlo.

Calhanoglu 5.5 trova spazi e nella prima mezz’ora strappa un paio di palloni agli avversari. Sul più bello vede il fantasma di Castillejo e si perde. Non c’è altra spiegazione.

Perisic 5 quando deve difendere sono guai e patisce molto Zappacosta. Quando deve attaccare non ne indovina una.

Dzeko 7 centrale nella manovra offensiva trova il goal del pareggio e sfiora la terza rete al minuto 96. Non fa rimpiangere Lukaku.

Martinez 7 segna un goal pazzesco e anche quando perde lucidità ci mette tanta corsa e tanto cuore.

Dumfries dal 57’ 6 tatticamente non ci capisce molto e viene ripreso continuamente da Inzaghi. Ma ha esplosivitá e talento da liberare.

Vecino dal 57’ 6.5 da fisico alla manovra e di testa sfiora il pari che gli nega il portiere atalantino.

Dimarco dal 57’ 6.5 spacca la partita e poteva mettere la firma sulla vittoria. Perde la penna, non la trova, gli danno una penna d’oca ma non c’è l’inchiostro si incazza spara un siluro che finisce contro la traversa.

Sanchez dall’81’ s.v.

Satriano dall’89’ s.v.

Inzaghi 6

Rimette in piedi la partita con i cambi. Nel complesso la squadra gioca a tratti bene. C’è un piccolo problema da risolvere e non serve un master a Coverciano ma coraggio ed abilità diplomatica.

Cuore e batticuore a San siro: Inter-Atalanta 2-2, il Pagellone

Atalanta

Musso 6.5 tiene in gioco i suoi in un paio di occasioni. È fortunano sul rigore che finisce contro la traversa.

Toloi 6.5 difende bene e trova la rete del vantaggio bergamasco.

Palomino 5.5 prende un giallo e va in apnea con Dzeko.

Demiral 5.5 regala un rigore con un intervento alla Roberto Bolle. Protesta come posseduto dallo spirito di Sgarbi. È fortunato che i nerazzurri milanesi sprecano dal dischetto.

Zappacosta 6.5 trova praterie sul versante destro e spinge mettendo in difficoltà Perisic.

Freuler 5 gioca un po’ troppo rilassato e si perde Martinez sul vantaggio interista.

De Roon 6 cerca il goal con un tiro di poco a lato e va in crisi su Barella e Vecino.

Gosens 5 si vede poco e quando si vede è meglio non vederlo.

Malinovskyi 8 fa un goal, propizia il secondo e colpisce un palo. Difficile fare meglio.

Pessina 5.5 molto mobile ma anche poco ispirato. Non è in una serata strepitosa.

Zapata 6 non tira mai ma fa molto lavoro sporco utile alla manovra.

Ilicic dal 62’ 6 entra bene in partita, non cosa scontata, ed impegna severamente Handanovic.

Piccoli dal 62’ 6 Nell’unica occasione che ha segna. Ma poi ci pensa il Var.

Dijmsiti 6 da una mano in difesa.

Maehle dal 70’ 5 viene asfaltato da Dimarco.

Pasalic dal 77’ s.v.

Gasperini 5.5

La sua squadra parte male ma riprende e ribalta la partita. Lui sbaglia tutti i cambi e rischia anche di perderla. Anche di vincerla se non ci fosse stato il Var ma sarebbe stato troppo.

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

Enrico Zerbo
Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli