Quotidiano on-line ®

25.5 C
Rome
martedì, Luglio 5, 2022

Stipendi bassi? Per Marattin (Italia Viva) è colpa dei lavoratori

Per Marattin di Italia Viva la colpa della contrazione degli stipendi è della bassa produttività del lavoro ma mostra una tabella che lo smentisce. Il modello saudita resta il faro a quelle latitudini.

Marattin: stipendi bassi perchè è bassa la produttività

Luigi Marattin, esponente di spicco di Italia Viva interviene sulla polemica ormai periodica, che non produce alcun effetto tranne il travaso di bile di una parte corposa della cittadinanza, sulla caso unico – primato poco edificante- della contrazione degli stipendi italiani negli ultimi 30 anni. Cioè che nel resto d’Europa i salari, bene o male, crescono costantemente negli anni: si va dal piccolo +6% della Spagna, al robusto +33% della Germania, all’impennata in Irlanda +85%, fino al clamoroso +276% della Lituania. In Italia sono invece diminuiti del 2,90%.

A questo punto, fossimo nel film Fantozzi, come il ragioniere dovremmo alzare la testa dalla lettura appena terminata e gridare: “Ma allora mi hanno sempre preso per il culo” 

 

E invece no. Anzi, bisogna prendersi anche la tiratina di orecchie di Marattin, deputato renziano, ricordato per il parametro della “spesa storica” cioè le variabili dummy regionali da lui approvate quanto era Presidente della Commissione Fabbisogni Standard.

Il buon Marattin, nella polemica sui salari, si schiera dalla parte confindustriale (cioè, i padroni) e bacchettai lavoratori per “bassa produttività “.

A occhio e croce a noi sembra più che altro una conferma: il grafico che mostra conferma che la produttività in Italia  è aumentata del 10% mentre i salari invece sono diminuiti del 2,9%.

La produttività bassa nel nostro paese è certificata, da qualsiasi economista, dal fatto che la nostra classe dirigente ha preferito puntare all’abbattimento del costo del lavoro piuttosto che negli investimenti in formazione e nuove tecnologie. Una logica a perdere unica in Europa.

Si chiamano investimenti, ma il basso costo del lavoro continua ad essere un disincentivo per le imprese ad accrescere l’efficienza, visto che comunque l’imprenditore continua a guadagnare senza investire. Siamo di fronte a un piccolo “modello saudita”, quello che Renzi invidia con appassionata tensione emotiva.

Leggi anche

 

Marquez
Marquez
Corsivista, umorista instabile.

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli