22 C
Rome
mercoledì 18 Maggio 2022
LifestyleAnton Belinskiy sul passaggio dalla moda alle uniformi militari ucraine

Anton Belinskiy sul passaggio dalla moda alle uniformi militari ucraine

Il brand Anton Belinskiy nasce nel 2009 a Kiev, dal designer da cui prende il nome.

Anton Belinskiv

Nel 2010 ha realizzato la sua prima collezione completa e ha fatto il suo debutto nella Mercedes-Benz Kiev Fashion Week. 

La sua realtà, come molti creativi dell’Europa orientale, è incentrata suenigmi che devono essere svelati e risolti“.

Oltre a mantenere a galla il marchio da lui fondato nel 2009, Anton Belinskiy ha spostato la sua attenzione dalla moda agli aiuti umanitari.

I suoi design sono un mix di tagli complessi e trame insolite. 

Le sue creazioni riflettono spesso le dure realtà dell’Ucraina – incorporando tutto, dai colori nazionali gialli e blu,  la copertina del passaporto dell’Ucraina e il simbolo di valuta che guizza nelle cabine di cambio di Kiev. 

A cinque settimane dall’invasione russa dell’Ucraina, il designer di Kiev Anton Belinskiy afferma che le cose per lui e il suo team stanno migliorando e peggiorando allo stesso tempo.

Ora trascorre le sue giornate a realizzare tute termiche per i soldati, piuttosto che borse per gli appassionati di moda più esigenti.

Eppure non lo troverete in lutto per la sua vita prima del conflitto; Anton Belinskiy è un uomo che dice di aver sempre avuto questa capacità dentro di . 

Ogni giorno è speciale; un giorno lavoriamo alla produzione e cucito, il giorno dopo organizziamo l’aiuto per tutti coloro che ne hanno bisogno“Mi sono anche cimentato in diversi campi, come l’ispezione del territorio e la tessitura delle reti“.

Il team di Anton Belinskiy è impegnato nella creazione di strati di base e passamontagna per i soldati, grazie alle loro abilità combinate nell’approvvigionamento di fabbricazioni tecniche. È il meglio che possono offrire ai soldati che  si sforzano e combattono  per “la vittoria dell’amore e della verità“. 

Anton Belinskiy team

La linea di T-shirt “FREE UKRAINE” di Belinskiy – un revival di una maglietta della sua collezione primavera/estate 2017 realizzata in collaborazione con 032c – e va di pari passo con i suoi sforzi di beneficenza.

Giorni prima dell’inizio della guerra, la mia amica Venya Brykalin [direttrice del dipartimento moda di Vogue UA] mi ha chiesto di realizzare un capo da indossare alla settimana della moda di Parigi“, racconta Anton, della nascita del capo, che ha raccolto solo per il primo giorno di vendita, € 20.000 di beneficenza da devolvere al il soccorso a terra.

Questo stato d’animo di perseveranza e produttività fa eco tra i coetanei di Anton a Kiev  e tra gli ucraini che sono stati costretti a fuggire e trovare sicurezza altrove.

Come la make-up artist Olha Ostapchuk, la cui piattaforma di raccolta fondi Hand To Hand collega medici e persone 24 ore su 24, 7 giorni su 7, o la piattaforma di talenti Better di Julia Pelipas, che rappresenta i creativi che stanno combattendo per essere visti come talenti, non rifugiati.

Questo alveare di ingegno ha acceso un fuoco all’interno di Belinskiy, tanto che sta raccogliendo fondi per gli orfanotrofi ucraini,  vestendo i bimbi dell’ orfanotrofio, e donando tutti i proventi delle vendite della collezione kids.

“La mia attività è ora in una fase di pausa, ma abbiamo già un milione di idee su come riformattare tutto e renderlo ancora migliore“, afferma il designer determinato

Abbiamo perso la stagione, ma stiamo acquisendo un’esperienza incredibilmente preziosa che nessun altro ha”. In cima all’agenda? Voglio sviluppare tutto in Ucraina, afferma Belinskiy.

Dio, la mia terra, la mia famiglia, i miei amici e la mia squadra mi stanno dando forza. Forse per qualcuno, sembrerà banale o divertente, ma questo è esattamente ciò che mi nutre e mi l’energia.”

Se una volta la sua etichetta rappresentava materiali innovativi e stampe sorprendenti e struggenti, ora il marchio  Anton Belinskiy sta per “Oggi. Pace. Amore.”

Ora il suo nome è noto per molto più dei suoi vestiti. 

 

Fonte articolo- British Vogue, Alice Newbold

 

Leggi Kulturjam LifeStyle

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

 


Cris H Loi
Cris H Loi
personal styling & image consultant wardrobe consultation bespoke strategies for retail growth product development buyer & visual merchandiser

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli