Quotidiano on-line ®

25.5 C
Rome
martedì, Luglio 5, 2022

I cento anni di Enrico: fuori dalla retorica, recuperiamo almeno il calore umano

I cento anni di Enrico Berlinguer affogati nella retorica. Questi anniversari dovrebbero servire a porre forse l’unica grande e irrisolta questione del nostro tempo: il comunismo oggi.

I cento anni di Enrico

Questi cento anni sono una discreta perdita di tempo: retorica e solo retorica sul dolce, amato e onestissimo Enrico Berlinguer. Altrettanta retorica sul PCI e sulla comunità di compagne e compagni.

Questi anniversari dovrebbero servire a porre forse l’unica grande e irrisolta questione del nostro tempo: il comunismo oggi. Mi pare che quasi a nessuno interessi: troppa fatica, troppo fastidio e il rischio di esporsi alle accuse di inattualità, nostalgia e persino di simpatie dittatoriali.

D’altronde, nel dibattito pubblico è scomparso qualsiasi discorso sulla felicità e l’infelicità, sulla liberazione, sull’alienazione, sulle macchine e sulla tecnica, sulla liberazione del lavoro e dal lavoro. Non si affronta tutto ciò nemmeno in termini tragici, cioè come liberazioni impossibili che però contribuiscono a mantenere un orizzonte, una tensione, una forza spirituale e politica che mantiene uomini e donne nella social catena, nella politica, nella democrazia.

E così sentiamo generici discorsi sul socialismo, la giustizia sociale, le giuste retribuzioni e la redistribuzione della ricchezza. Chi fa questi discorsi non si prende nemmeno il disturbo di dire come fare a conquistare eque retribuzioni senza la forza politica, nel momento in cui non ci sono donne e uomini nella social catena, nella politica e nella democrazia disposte a lottare e quindi a considerare la vita nella lotta come più affascinante di quella neoliberale tuttora egemone.

Ma di comunismo come liberazione, come cooperazione, come conoscenza del mondo per trasformarlo e come trasformazione del mondo per conoscerlo e provare così a sentirsi un poco riconciliati con sé e con gli altri nessuno parla.

Persino una categoria così in auge nella filosofia come il riconoscimento è diventata una sorta di mero ampliamento dei diritti man mano che emergono nuove figure sociali e nuovi orientamenti culturali, sessuali ecc… Del riconoscimento di sé e degli altri e dello Stato all’interno di una vita dotata di senso non parla più nessuno.

Non mi sono preparato in tempo a questo anniversario di Enrico; forse avrei potuto organizzare un incontro con qualche amico/a e compagno/a per bere, mangiare e cantare abbracciati l’Internazionale e Bandiera rossa. Di questi tempi, almeno un poco di calore umano possiamo opporre al non senso della vita sotto il capitalismo neoliberale.

Leggi anche

 

Claudio Bazzocchi
Claudio Bazzocchi
Studioso di filosofia politica

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli