25.9 C
Rome
venerdì 20 Maggio 2022
SportCalcioPioli stecca all'Arechi, Salernitana-Milan 2-2, il Pagelllone

Pioli stecca all’Arechi, Salernitana-Milan 2-2, il Pagelllone

Rigenerati dal nuovo allenatore Nicola i campani sono  riusciti a fermare la squadra di Pioli, costringendola al pareggio.  Padroni di casa che rispondono con Bonazzoli al gol di Messias e poi vanno in  vantaggio con Djuric prima del definitivo pareggio di Rebic. Rossoneri ancora in testa a +2 sull’Inter ma nerazzurri con due partite in meno. Salernitana-Milan 2-2, il Pagelllone del colonnello Lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

Salernitana-Milan 2-2, il Pagelllone

Salernitana-Milan 2-2 (Messias 5’, Bonazzoli 29’, Djuric 72’, Rebic 77’)

 

Sepe 6 bravo su Bennacer e sempre puntuale quando deve uscire. Sul goal di Rebic forse è ingannato da una leggera deviazione.

Mazzocchi 7.5 crossa palloni su palloni manco fosse una vecchia ala di stampo british. Protagonista in tutte due le reti dei granata.

Dragusin 7 concede poco a Giroud che non dimentichiamo è nelle grazie del Divino.

Fazio 6 partita attenta. Qualche sbavatura. Non dimentichiamo che non gioca con continuità da tempo immemore.

Ranieri 5.5 lascia una prateria a Messias nel primo goal rossonero. Lotta comunque fino alla fine.

Coulibaly 7 uomo ovunque. Non ha piedi raffinati ma la sua presenza in campo si sente.

Radovanovic s.v. esce dopo 15 minuti.

Kastanos 6 cerca di velocizzare la manovra e corre a tutto campo.

Ribery 6 la classe c’è e si vede. Lo scatto non è più quello di un ragazzino. Anche questo si nota.

Bonazzoli 7 l’ex canterano interista prende la partita seriamente e fa impazzire la difesa avversaria. Segna un goal e ne sfiora un altro su leggerezza di Maignan.

Djuric 7 assist e goal. Con il colpo di testa fa esplodere la curva dell’Arechi.

Ederson 15’ 6 alterna buone cose a leggerezze assurde. Prende un giallo e rischia il secondo.

Perotti dal 69’ 6 deve trovare la condizione.

Obi dal 69’ 6 dinamico e deciso. Aveva già castigato il Milan in un derby. Non si ripete ma da il suo contributo.

Mikael dall’81’ s.v.

Mousset dall’81’ s.v.

Nicola 7

Trasmette la sua grinta e la squadra entra in campo determinata. Non si scompone per il goal preso in apertura e riesce addirittura a ribaltare la partita. Comunque vada ora la Salernitana è squadra vera.

 

Milan

Maignan 4 portiere totalmente privo di tecnica ed umorale. Fa due errori che non sarebbero tollerati neppure in un partita tra ragazzi. In uno prende goal nell’altro deve ringraziare la leziositá di Bonazzoli ed un suo compagno che salva sulla linea. Sulla seconda rete della Salernitana si tutta come un sacco di patate.

Calabria 6 deve fare molta attenzione alle incursioni granata. Manca in fase di possesso.

Tomori 4 con Maignan è il pericolo pubblico per il Milan. Fa segnare Djuric non proprio un bomber di razza.

Romagnoli 6.5 salva su Bonazzoli. In fase di costruzione è inguardabile.

Hernandez 6 la sua partita dura cinque minuti quando manda in rete Messias. Poi tira i remi in barca.

Bennacer 6 impegna Sepe su punizione.

Tonali 5 indolente ed inutile come lo scorso campionato.

Messias 6.5 segna il goal che sembra segnare la partita. È solo una pia illusione. Qualche spunto interessante non capito dai compagni.

Diaz 5 a parte il derby è sui livelli soliti. Fumoso.

Leao 5.5 gioca ad intermittenza. Una bella rovesciata ad inizio ripresa e niente di più.

Giroud 6 lotta ma non punge.

Kessie dal 46’ 5 da il suo contributo alla seconda rete. Della Salernitana.

Rebic dal 61’ 6.5 trova il pareggio con un tiro da fuori. Nel finale sbaglia due passaggi in modo imbarazzante.

Florenzi dal 73’ 5 di lui ricordiamo un banalissimo cross.

Saelemaekers dal 73’ 5 di lui niente.

Pioli 5

Non gli riesce la fuga, che comunque sarebbe stata con due partite in più. Sbaglia i cambi e i suoi non entrano con lo spirito giusto. Potrebbe essere utile parlare meno e lavorare di più.

 

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

 


Enrico Zerbo
Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli