-4.1 C
Rome
domenica 23 Gennaio 2022
SportCalcioPasseggiata all'Arechi: Salernitana-Inter 0-5, il Pagellone

Passeggiata all’Arechi: Salernitana-Inter 0-5, il Pagellone

Inzaghi si regala una notte in fuga dopo la passeggiata all’Arechi sulla derelitta squadra di Colantuono, condizionata dalle voci societarie, e allunga in vetta in attesa del Milan. E’  stata quasi imbarazzante la superiorità tecnica messa in mostra dagli ospiti, padroni totali del campo dall’inizio alla fine. A decidere sono i gol di Perisic, Dumfries, Sanchez, Lautaro Martinez e Gagliardini. Salernitana-Inter 0-5, il Pagellone del colonnello Lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

Salernitana-Inter 0-5, il Pagellone

Salernitana-Inter 0-5, il Pagellone (Perisic 11’ Dumfries 33’, Sanchez 52’, Martinez 77’, Gagliardini 87’)

 

Fiorillo 5 come i goal presi. Para bene su Dumfries ma sbaglia anche qualche uscita.

Gyomber 4 in apnea da subito si perde Perisic in occasione della prima rete.

Bogdan 5 copre come può. Nella ripresa crolla come tutto il reparto.

Gagliolo 4.5 vede arrivare gli avversari da ogni parte. E non riesce a fermarli.

Delli Carri 5 viene travolto da Perisic. Fa quello che può. Poco.

Kastanos 5 gioca davanti alla difesa e non ferma nessuno.

Koulibaly 4.5 sbaglia ogni scelta. Tipo Renzi.

Obi 5.5 riesce ad arrivare al tiro.

Ranieri 4,5 insegue Dumfries senza  prenderlo mai. Sembra Willy il Coyote con Bip Bip.

Ribery 5 riesce a liberare Obi al tiro. Predica nel deserto ma è un ex calciatore.

Simy 4 sbaglia tutti i palloni che gioca. A gennaio devono riscattarlo per otto milioni.

Djuric dal 61’ 5 di testa riesce a sbagliare un goal fatto.

Schiavone dal 61’ 5 entra a partita chiusa.

Gondo dal 71’ s.v.

Jaroszynski dal 71’ s.v.

Zortea dall’80’ s.v.

Colantuono 4

Impresa proibitiva ma sono troppi i goal presi e davanti è il nulla assoluto. Rischia di battere ogni record negativo non solo italiano ma anche europeo. E forse mondiale.

Foto Ansa

 

Internazionale

Handanovic 6 a parte un tiro di Obi non deve fare nulla. Ennesima partita senza subire reti.

D’Ambrosio 6.5 solita partita positiva e colpisce anche un palo.

De Vrij 6.5 poteva entrare in campo con gli zoccoli e sarebbe stato lo stesso.

Bastoni 7 non avendo nulla da fare attacca gli spazi.

Dumfries 7 quando parte in corsa da cinque metri all’avversario. Cerca e trova la via del goal.

Barella 6.5 nulla di straordinario. Prende un giallo ed anticipa le vacanze. Ha bisogno di riposo.

Brozovic 7 non perde un pallone e ne recupera un centinaio. È il cuore della manovra.

Calhanoglu 7.5 ogni corner è una sentenza di morte per gli avversari. Di prima manda in rete Sanchez. Gioca continuamente la palla e si diverte. Mai visto un Hakan così.

Perisic 7 alla prima occasione sblocca la partita. Manda nel panico gli avversari.

Dzeko 7 gli manca solo il goal ma manda in rete Dumfries.

Sanchez 7 in grande forma. Giocate bellissime ed il secondo goal in due partite. Difficile tenerlo fuori se gioca così.

Vidal dal 56’ 6 amministra senza particolari apprensioni.

Martinez dal 56’ 7 entra e segna per la quinta partita consecutiva. Non gli danno la possibilità di sbagliare il secondo rigore consecutivo. Non si può avere tutto.

Dimarco dal 56’ 6.5 il suo sinistro disegna parabole magiche.

Gagliardini dal 71’ 6.5 trova il tempo per segnare. Rapporto minuti giocati reti manco Lewandowski.

Kolarov dal 78’ s.v. potrà raccontarla ai nipotini ormai ventenni.

Inzaghi 7.5

La sua squadra gioca a memoria e disintegra gli avversari. Primo posto in classifica e l’impressione di una forza mentale pazzesca. Nessuno pensava che avrebbe bruciato le tappe in questo modo.

Curva nord 5

Prima solidarizzano con il pubblico avversario per le questioni societarie. Uno striscione bello ed apprezzato da tutti. A fine partita offese gratuite e fuori luogo allo stesso pubblico avversario. Se vogliamo essere bravi diciamo che sono confusi. Del resto cosa aspettarsi da chi ha letto il libro di Icardi?

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

 

 


Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli