18.4 C
Rome
giovedì 12 Maggio 2022
SportCalcioFinalmente Lautaro, tripletta e vetta: Inter-Salernitana 5-0, il Pagellone

Finalmente Lautaro, tripletta e vetta: Inter-Salernitana 5-0, il Pagellone

Dopo 4 turni senza vittorie, la squadra di Inzaghi travolge i campani e vola provvisoriamente in vetta aspettando lo scontro diretto di domenica tra Napoli e Milan. Inter-Salernitana 5-0. In avvio Verdi spreca, poi sale in cattedra Lautaro Martinez: prima coglie la traversa ma si sblocca al 22′, vantaggio che interrompe a 425′ il digiuno da gol dell’Inter.

Il ‘Toro’ si ripete prima dell’intervallo ancora su assist di Barella e fa tripletta nella ripresa. A segno due volte anche Dzeko grazie agli assist del “debuttante” Gosens e di Dumfries. Il Pagellone del colonnello Lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

 

Inter-Salernitana 5-0, il Pagellone

Inter-Salernitana 5-0 (Martinez 22’, 40 e 56’, Dzeko 64’ e 69’)

 

Handanovic 6 quando viene impegnato, due volte, si fa trovare pronto.

Skriniar 6 serata tranquilla si limita a controllare gli avversari che hanno la sventura di passare dalle sue parti.

De Vrij 6 prende un giallo per non aver commesso il fatto. Controlla le trame degli avversari.

Bastoni 6.5 torna ad insidiare la difesa avversaria. In fase di non possesso è un muro invalicabile.

Dumfries 7 sembra un ussaro inglese lanciato alla carica in quel di Balaklava. Ma con un destino diverso, lui scardina la difesa avversaria.

Barella 8 sprigiona energia e fosforo in quantità industriale. Si traveste da Mandrake e con due magie manda in rete Martinez.

Brozovic 7 non perde un pallone. Gioca con semplicità ed efficacia disarmante.

Calhanoglu 6.5 parte bene con giocate interessanti. Dopo tira il freno a mano.

Darmian 7 asfalta il povero Mazzocchi che non lo prende manco in motorino. Quando chiamato in causa non tradisce mai.

Dzeko 7.5 oltre a servire la palla del 3-0 pensa bene di impallinare due volte il portiere avversario

Martinez 8.5 fa tre goal, colpisce una traversa ed impegna il portiere avversario in diverse occasioni. Poteva andare peggio.

Vidal dal 62’ 6 sorvolando sulla sua versione influencer, manco un dodicenne isterico farebbe certi post, entra in campo e non perde la solita quantità industriale di palloni.

Gosens dal 62’ 7 entra e fa vedere di che pasta è fatto. Assist vincente e sfiora la rete personale.

Ranocchia dal 62’ 6 entra a partita finita ma controlla bene gli attacchi avversari.

Gagliardini dal 71’ s.v. su di lui intervento sospetto in area.

Correa dal 75’ s.v. si mangia due goal.

Inzaghi 7

Serviva una vittoria ed è arrivata. La squadra sembra fisicamente ritrovata e si sono riviste trame e giocate. Parola d’ordine: ripartire.

Salernitana

Sepe 5 come i goal presi. Non ha grosse colpe e ne evita qualcuno in più. Resta comunque una serataccia.

Mazzocchi 4 quando viene puntato da Darmian in campo aperto finisce gambe all’aria.

Dragusin 4 viene sempre saltato o anticipato dall’avversario. Disastroso.

Fazio 4 perde in maniera imbarazzante il duello con l’ex compagno Dzeko.

Ranieri 5 regge circa mezz’ora ma poi deve alzare anche lui bandiera bianca.

Koulibaly L. 5 messo in mezzo dai centrocampisti interisti viene travolto e non da copertura e neppure imposta.

Ederson 4 perde contrasti e palloni.

Kastanos 6 almeno riesce a saltare qualche avversario ed a contrastare gli attacchi avversari. Ma è solo contro tutti.

Verdi 4 spreca una palla goal dopo tre minuti e poi sparisce.

Mousset 5 fa vedere di possedere buona tecnica ma rimbalza contro gli avversari.

Djuric 5.5 lotta contro i difensori avversari e riesce ad impegnare Handanovic. Pugnace.

Perotti dal 59’ 5 una mezz’ora di niente.

Zortea dal 59’ 5 come il compagno sopra.

Radovanovic dal 71’ s.v.

Obi dal 71’ 7 per il goal segnato nel derby del 2014.

Ruggero dall’83’ s.v.

Nicola 5

i suoi dopo tre minuti hanno una buona occasione che sprecano, e durano fino al vantaggio interista. Deve essere bravo a far assorbire ai suoi ragazzi una batosta del genere.

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

 


Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli