Quotidiano on-line ®

23.5 C
Rome
giovedì, Luglio 7, 2022

Harakiri Strakosha e Sarri mastica amaro: Galatasaray-Lazio 1-0, il Pagellone

Secondo ko consecutivo per Sarri che comincia con una sconfitta l’avventura in Europa League. A Istanbul, i biancocelesti perdono 1-0 col Galatasaray. Sul banco degli imputati il portiere Strakosha che, con un incredibile errore, regala al 66′ il gol-vittoria ai turchi, spedendo nella propria porta un campanile di Lazzari. Galatasaray-Lazio 1-0, il Pagellone del colonnello Lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

Galatasaray-Lazio 1-0, il Pagellone

Galatasaray vs Lazio 1-0  (Strakosha 67’ ag)

 

Muslera 6 l’ex della partita prende un giallo per un intervento su Lazzari e si fa trovare pronto nelle rare occasioni dei laziali.

Yedlin 6.5 con esperienza e con le maniere forti controlla bene Zaccagni.

Marcao 6 molto falloso ma efficace. La butta sul fisico. La velocità non è il suo forte.

Nelsson 6.5 preciso, puntuale disinnesca l’attacco della Lazio.

Van Aanholt 6 non parte bene ma prende le misure ad Anderson e si propone anche in attacco.

Kutlu 6.5 spezza le trame degli avversari e fa ripartire l’azione. Utile.

Antalyali 6.5 finché ha fiato fa legna e attacca chiunque passi dalle sue parti.

Morutan 6.5 con un siluro colpisce la traversa e mette il pallone in mezzo che manda ko Strakosha. Buona tecnica che manda in crisi gli avversari.

Cicaldau 7 gli manca solo il goal nella sua prestazione di altissimo livello. Piede educato e grinta da combattente.

Akturkoglu 6.5 primo tempo anonimo. Nella ripresa sale in cattedra e provoca diversi pericoli alla difesa capitolina.

Dervisoglu 6 fa salire la squadra e battaglia contro i difensori avversari.

Kilink dal 78’ s.v.

Babel dal 78’ s.v.

Feghouli dall’85’ s.v.

Luyindama dal 90’+1’ s.v.

Mostafa Mohamed dal 90’+1’ s.v.

Terim 7

Non sbaglia niente. La sua squadra cresce e la butta su intensità e forza fisica. Il resto lo fa Strakosha.

Harakiri Strakosha e Sarri mastica amaro: Galatasaray-Lazio 1-0, il Pagellone

Lazio

Strakosha 3 errore ingiustificabile. Un campanile alto senza nessuna pressione. Ci va senza attenzione, girato verso la porta, con una sufficienza irritante. Qui la sfortuna non c’entra nulla, se per sfortuna non intendiamo avere lui in porta.

Lazzari 5.5 parte forte ma si spegne in fretta. Da un suo intervento il campanile che manda in tilt Strakosha ma lui non ha colpe.

Luis Felipe 5.5 nel primo tempo solido e preciso. Nel secondo no e perde il pallone favorendo la ripartenza turca.

Acerbi 6 il migliore del reparto arretrato e cerca anche lanci precisi per i compagni.

Hysaj 5.5 meglio quando deve coprire in fase di non possesso. Quando deve crossare sbaglia tanto. Sembra il cugino del giocatore di Napoli.

Akpa Akpro 5 sostanza ed impegno. Qualità zero. Neanche lontano parente di Milinkovic Savic.

Lucas Leiva 6 recupera palloni e cerca di dare gioco alla squadra.

Luis Alberto 6 impegna Muslera con un tiro da fuori. Non accende quasi mai la luce.

Anderson 6 sfrutta gli spazi a destra e cerca di dare un senso alla manovra d’attacco.

Immobile 5 è stretto dalla difesa turca e non riesce mai a tirare in porta.

Zaccagni 5.5 molto mobile e anche molto impreciso. Era il suo esordio europeo.

Milinkovic Savic dal 56’ 5 entra ma non fa praticamente nulla. Passaggi sbagliati e impegna Muslera con un tiro innocuo.

Muriqi dal 56’ 5 avrebbe la palla del vantaggio ma è di una lentezza incredibile ed ha la tecnica di un minatore scozzese. Ubriaco.

Basic dal 66’ 5 fa sempre un dribbling di troppo che puntualmente perde.

Pedro dal 66’ 6 impegna di testa Muslera.

Cataldi dall’83’ s.v.

Sarri 5

Seconda sconfitta di fila e molto lavoro da fare. L’errore di Strakosha pesa ma non abbiamo visto passi avanti rispetto a Milano. È un gioco di ripartenza, con poca qualità e di sarrismo manco l’ombra. Perde il duello con quel volpone di Terim.

 

Leggi anche

Enrico Zerbo
Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli