21.6 C
Rome
giovedì 19 Maggio 2022
SportCalcioIl diavolo veste Radu: Bologna-Inter 2-1, il Pagellone

Il diavolo veste Radu: Bologna-Inter 2-1, il Pagellone

Clamoroso passo falso dei nerazzurri che si scuciono mezzo scudetto dal petto perdendo il recupero del Dall’Ara nonostante la rete iniziale di Perisic. Arnautovic pareggia e Sansone regala la vittoria ai rossoblù dopo una colossale papera di Radu. Il Milan festeggia da casa. Bologna-Inter, 2-1 il Pagellone del colonnello lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

Bologna-Inter 2-1, il Pagellone

Bologna-Inter 2-1 (Perisic 3’, Arnautovic 28’, Sansone 81’)

 

Skorupski 6.5 le palle alte le prende tutte. Para le conclusioni di Dimarco ed il colpo di testa di Correa.

Soumaoro 6.5 attento dietro chiude bene su Martinez nel primo tempo.

Medel 7 gioca bene dietro e lotta contro gli avanti interisti. Quasi insuperabile.

Theate 7 lotta ed efficace. Fa una chiusura che salva la porta felsinea.

De Silvestri 5.5 sbaglia molto. Per sua fortuna gli interisti non ne approfittano.

Svanberg 6.5 lotta bene in mezzo al campo non sfigurando mai.

Schouten 7 si mette davanti alla difesa e se la cava molto bene anche in situazioni complicate.

Soriano 6 si limita alla fase difensiva.

Hickey 6.5 ha fisicità e lotta con efficacia contro Dumfries.

Arnautovic 7.5 segna sempre lui e ieri non si smentisce. Sovrasta Dimarco e segna la rete del pareggio. Spalle alla porta fa salire la squadra. Letale.

Barrow 6.5 assist vincete ad Arnautovic ma anche tecnica approssimativa in alcune circostanze.

Aebischer dal 66’ 6 da sostanza in mezzo.

Dominguez dal 66’ 6.5 salva sulla linea il colpo di testa di D’Ambrosio.

Sansone dal 77’ 6.5 segna il goal vittoria. Goal che avrebbe segnato anche Eva Henger con i tacchi a spillo.

Orsolini dall’88 s.v.

Tanjga 7

L’avvio dell’Inter non promette bene e i suoi vanno subito sotto. Arnautovic rimette in corsa il Bologna e i suoi ragazzi prendono coraggio. Radu fa il resto. Resta una prestazione gagliarda che conferma il buon momento dei felsinei.

 

Internazionale

Radu 3 fa un errore da torneo amatoriale quando in porta ci mettono il più scarso con i piedi. Dopo una partita del genere passerà alla storia.

Skriniar 6.5 la chiusura su Arnautovic è da difensore vero. Si fa anche vedere in avanti con poca fortuna.

De Vrij 5.5 in fase di impostazione si vede poco. In fase difensiva tiene botta ma manca il guizzo.

Dimarco 5.5 si fa superare da Arnautovic in occasione del pareggio felsineo. Prova la fortuna con tiri tutti centrali.

Dumfries 5.5 tanta corsa e nessuna giocata degna di nota. Ci prova di testa ma colpisce male.

Barella 6 assist a Perisic e tanto dinamismo in mezzo. Prende un giallo per proteste ed ovviamente viene sostitituito. La dottrina di Simon.

Brozovic 5.5 rimane imbottigliato nel traffico a centrocampo e non è letale come al solito.

Calhanoglu 5.5 smista tanti palloni ma senza essere decisivo. Prende un giallo. Il giallo lo terrà a riposo nella prossima partita di Udine e gli costa la sostituzione secondo la dottrina di Simon.

Perisic 7 segna un goal splendido e gioca la solita partita di quantità e qualità.

Martinez 5 meglio nel primo quando almeno partecipa alla manovra. Spara da buona posizione fuori dal campo. Nella ripresa quasi si estranea. Da lui ci si aspetta altro.

Correa 4 uno dei giocatori più inutili che abbiano vestito la maglia dell’Inter negli ultimi 20 anni. Non serve a niente. Ha una media goal inferiore a quella di Ciccio Caputo ma è costato più di 30 milioni. La fotografia della sua partita è il minuto 48 del primo tempo quando passa la palla a nessuno. Visionario.

Sanchez dal 63’ 5 avrá anche voglia ma fa solo confusione.

Dzeko dal 63’ 5.5 partecipa alla manovra ma serviva un suo goal.

D’Ambrosio dal 70’ 6 si mette dietro e non sbaglia nulla.

Darmian dall’80’ s.v.

Gagliardini dall’80’ s.v.

Inzaghi 4.5

Se l’Inter perderà lo scudetto non sarà per colpa di Radu ma per aver fatto sette punti in sette partite. Sul più bello le sue squadre spesso e volentieri falliscono la partita. La squadra ha creato poco e male ed alcune scelte non sono state felici, ad esempio Dimarco su Arnautovic che della fisicità fa la sua arma migliore. Un Correra imbarazzante e le solite sostituzioni dei giocatori ammoniti. Un film visto e rivisto con un finale tragicomico. Pioli ringrazia.

 

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche


Enrico Zerbo
Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli