-5 C
Rome
domenica 23 Gennaio 2022
In EvidenzaMario Draghi tra il Recovery Plan e la Coppa Cobram

Mario Draghi tra il Recovery Plan e la Coppa Cobram

Tutti lo cercano, tutti lo vogliono. Il deus ex machina Mario Draghi tra il Recovery Plan e la pandemia, sta pensando a nuove brillanti soluzioni.

Draghi tra il Recovery Plan e la beatitudine

Secondo alcuni fantomatici sondaggi che girano tra i media principali, Mario Draghi sarebbe già in cima al gradimento degli italiani con un clamoroso 71% e saremmo già al Giuseppe Conte chi? Ma parafrasando il Citizen Kane di Orson Wells, è la narrazione politica italiana baby, e non puoi farci niente.

Mario Draghi, l’atteso Salvatore della Patria alle prese con la grande crisi e la pestilenza. Tutti lo cercano, tutti lo vogliono. Un po’ deus ex machina, un po’ convitato di pietra. Anche perché lui parla pochissimo. In queste ore è al lavoro preparando l’ultimo giro di consultazioni con la sintesi finale. Supermario ha ascoltato molto e parlato poco: Fidatevi, si è limitato a dire. Occorre un atto di fede davanti al beato Mario.

Governo Draghi, l'agenda delle emergenze

E bisogna fidarsi, i primi miracoli già sono palesati: il leader del Carroccio, Matteo Salvini  ha dato il suo via libera senza porre veti: è disposto a sedersi al tavolo coi grillini, col Pd, con Leu, ha messo mi piace alla pagina di Open Arms, si è fatto fotografare con in mano il libro di Carola Rackete, ha donato il suo stipendio a Mamafrica.

Mario Draghi tra il Recovery Plan e la Coppa Cobram

Nicola Zingaretti inizialmente spiazzato, se l’è cavata poi con un ardita metonimia, passando per il paradosso di Zenone di Elea: Non c’è dubbio che è una novità, ma è Salvini che ha dato ragione al Pd, non ci siamo spostati noi.

Sono tutti col devoto Mario: è una personalità molto gradita a Forza Italia: La stima per Mario Draghi è antica, al punto che lo stesso Berlusconi ha più volte rivendicato di averlo voluto fortemente alla guida Bce, parole e musica dal quartier generale di Fi.

Italia Viva è più che entusiasta. Renzi, nemmeno troppo tra le righe, rivendica di essere stato in qualche modo l’artefice dell’arrivo di Draghi.

Mario Draghi tra il Recovery Plan e la Coppa Cobram

Per i CinqueStelle vale sempre il loro adagio: uno vale uno. In questo caso va inteso che ognuno la pensa in un modo: l’ala governativa di Di Maio ha dato il via libera dicendo che per la loro storia sono i controllori ideali del Recovery fund. Lo ha detto Vito Crimi: Con le nostre caratteristiche valoriali verificheremo che l’attuazione di quei fondi sia fatta con onestà, trasparenza e nell’interesse dei cittadini.

Il garante, Beppe Grillo, ha dato anche lui il via libera, però vuole che il nuovo governo crei un superministero per la transizione energetica, un ministero per i giovani”; l’inserimento nella Costituzione dei “principi di responsabilità generazionale e ambientale” per lo sviluppo sostenibile; forme di garanzia per i giovani come “corsi di formazione” e “finanziamento per start-up”;

Di Battista invece appena sente nominare Draghi è preso da convulsioni e bava verde.

Mario Draghi tra il Recovery Plan e la Coppa Cobram

Draghi tra il Recovery Plan e la Coppa Cobram

L’unico no ufficiale all’angelico Draghi è venuto da Fratelli D’Italia: Giorgia Meloni, morettianamente presa dal comprendere se la si nota di più se dice si, oppure se dice no e se ne sta in disparte, ha optato per il No ma darà comunque una mano.

In realtà la situazione, nelle retrovie è ancora più ingarbugliata per le dinamiche innestate dalla Provvidenza Draghi: Il Pd non vuole perdere l’alleanza giallorossa, in vista delle future elezioni, e i mal di pancia degli alleati non li lasciano tranquilli.

I cespugli dl centrodestra flirtano apertamente col divino, cercando di ritagliarsi uno spazio al di fuori delle ali e contro di esse.

Leu dal canto suo, pensando a un esecutivo che va da Fratoianni a Borghi, l’ha detto: molto difficile sostenere un governo di questo tipo.

In pratica, tutti vogliono Draghi: l’Europa, i mercati, Mattarella, il popolo dei sondaggi, i leader dei partiti… ma forse nessuno vuole il governo Draghi.

Ma mentre la politica parla, si interroga tra calcoli e timori, l’immacolato Mario Draghi continua il suo lavoro di sintesi tenendo conto che in realtà nessuno vuole andare alle urne prima del tempo. Soprattutto a breve, quando ci saranno ben 209 miliardi del Recovery Plan da spendere.

L’ipotesi più probabile a questo punto è che in virtù della sua conclamata magnanimità, col suo sguardo ritto e fiero verso l’Avvenire, Draghi istituirà la prima Coppa Cobram, su gara unica aperta a tutti, modello Ursula.
Ai vincitori sarà concesso l’accesso ai finanziamenti minori e collaterali del Recovery Plan.
Obbligo di partecipazione a tutti i soggetti dell’arco parlamentare. La mancata partecipazione porterà all’immediato trasferimento per gestire la sezione del proprio partito di Perdasdefogu.

Fantozzi contro tutti: La coppa Cobram

 

[themoneytizer id=”68124-28″]

 


Alexandro Sabetti
Vice direttore di Kulturjam.it -> Ha scritto testi teatrali e collaborato con la RAI e diverse testate giornalistiche tra le quali Limes. Ha pubblicato "Il Soffione Boracifero" (2010), "Sofisticate Banalità" (Tempesta Editore, 2012), "Le Malebolge" (Tempesta Editore, 2014), "Cartoline da Salò" (RockShock Edizioni)

Ti potrebbe anche interessare

1 COMMENT

Comments are closed.

Ultimi articoli