8.1 C
Rome
giovedì 27 Gennaio 2022
In EvidenzaCriminalità imprenditoriale diffusa ma si parla del reddito di cittadinanza

Criminalità imprenditoriale diffusa ma si parla del reddito di cittadinanza

L’incredibile campagna mediatica contro sussidi e reddito di cittadinanza ha toccato vette parossistiche quest’estate, proprio mentre una serie di controlli dell’ispettorato del lavoro sta segnalando una criminalità imprenditoriale diffusa, ignorata dai grandi media.

Criminalità imprenditoriale e reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza non sta risolvendo i problemi di povertà dei percettori, e questo era chiaro  dal principio ma non era nemmeno nelle intenzioni ma sta avendo un effetto positivo imprevedibile: sta permettendo alle persone di evitare il ricatto dello sfruttamento – dell’accettare lavori al limite dello schiavismo -se non oltre – per pochi spiccioli, e questo non sta andando assolutamente giù a una classe imprenditoriale divenuta isterica.

La possibilità che si possa avere una scelta che vada oltre la disperazione non è contemplata nell’orizzonte imprenditoriale nostrano.

Tutto questo avviene mentre, al contempo, l’Ispettorato del lavoro ha comunicato i dati di alcuni controlli avvenuti in questo periodo, diffondendoli anche via social, per sensibilizzare sull’argomento: i risutati sono imbarazzanti.

Criminalità imprenditoriale diffusa ma si parla del reddito di cittadinanza

Dunque, il 100% per cento delle aziende della logistica ispezionate non è risultato in regola. Un dato che andrebbe tirato fuori ogni qual volta politici e imprenditori rilanciano la bufala che non si trovano operai per colpa del reddito di cittadinanza.

Non bastasse, l’Ispettorato del lavoro ha comunicato gli esiti delle ispezioni di Ferragosto.
Il 71% di aziende della ristorazione e del turismo sono risultate irregolari.

Criminalità imprenditoriale diffusa ma si parla del reddito di cittadinanza

La realtà è capovolta: l’eccezione è essere in regola. Se controlli parziali evidenziano tali risultati, pensate se l’ispettorato del lavoro avesse organici e mezzi e ci fosse vera volontà politica di aggredire la devastante illegalità imprenditoriale.

Il sistema produttivo ne sarebbe finalmente risanato, perché ovunque arrivino i controlli il risultato è sempre lo stesso: sfruttamento e violazione di regole e diritti.

La dilagante e diffusa criminalità imprenditoriale colpisce i diritti e le libertà di tutti, non solo dei lavoratori.

 

Leggi anche

 

 


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli