18 C
Rome
giovedì 19 Maggio 2022
PolisLavoro, diritti, economiaAcerbo: la riforma del lavoro di Podemos funziona. Basta con le idee...

Acerbo: la riforma del lavoro di Podemos funziona. Basta con le idee macroniane di Pd e Draghi

Dopo l’approvazione della riforma del lavoro proposta da Unidas Podemos che ha cancellato il corrispondente spagnolo del “jobs act” le assunzioni sono impennate.

Acerbo: la riforma del lavoro di Podemos funziona

Guardate questo grafico. Descrive in termini inequivocabili l’impennata delle assunzioni a tempo indeterminato dopo l’approvazione della riforma del lavoro proposta dalla ministra Yolanda Diaz di Unidas Podemos.

La legge spagnola ha cancellato il precedente “jobs act” per contrastare la precarizzazione del lavoro. Con altra norma è stato risolto alla radice anche il problema dei rider decidendo che sono lavoratori subordinati da assumere con tutti i diritti.

Leggi anche L’antifascismo postmoderno: la guerra è pace Quale idea di Occidente? Un’analisi filosofica del conflitto Le Eumenidi di Eschilo, l’occidente e la guerra Cinico TV, nel 1992 Rai3 manda in onda i freaks di Ciprì e Maresco L’apocalisse nel Congo: figli di un dio minore Michele Santoro: “Gramellini, Fazio, Riotta…continuano a sparare cazzate e basta” Tastiera ed elmetto: quando il giornalismo è militante (e militare) Cesso, Chì chì chì cò cò cò e altri capolavori di Pippo Franco Teorema pasoliniano: l’uomo più solo del ventesimo secolo Cartoline da Salò: il nuovo libro di Alexandro Sabetti

Questo grafico smonta un’idea reazionaria assai diffusa. Quella che non si possa tornare indietro rispetto alle riforme neoliberiste dell’ultimo trentennio e che bisogna rassegnarsi alla precarietà.

Il contrario di quel che accade in Italia con un PD macroniano e draghiano. Quando nel 2006 andammo al governo col centrosinistra c’era nel programma concordato con Rifondazione Comunista il superamento della legge 30.

Il centrosinistra ci fece marameo e si rifiutò di mantenere l’impegno programmatico. Anzi poi qualche anno dopo votarono lo smantellamento dell’articolo 18 con Monti e poi con Renzi. Se diciamo che la sinistra si ricostruisce in alternativa al PD non lo diciamo per settarismo ma perchè non vogliamo prendere in giro la gente.

La Spagna dimostra che è possibile invertire la tendenza se c’è una sinistra radicale forte e combattiva in grado di imporre scelte diverse.

La compagna Yolanda Diaz è una militante del Partito Comunista di Spagna (PCE) e di Izquierda Unida. Ha preso il posto di Pablo Iglesias alla guida del movimento/coalizione Unidas Podemos e sarà la candidata alla presidenza alle prossime elezioni.

Diamoci da fare anche in Italia per costruire la forza unitaria e plurale che ora non abbiamo. Senza identitarismi e con la consapevolezza che non possiamo farne a meno.

Yolanda Diaz

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

 


Maurizio Acerbo
Maurizio Acerbo
Segretario nazionale di Rifondazione Comunista- Sinistra Europea. Attivista, agitatore culturale. Comunista democratico, libertario e ambientalista. Marxista psichedelico.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli