Quotidiano on-line ®

22.5 C
Rome
domenica, Luglio 3, 2022

Rodion Miroshnik, ambasciatore di Luhansk in Russia: “La difesa Ucraina sta crollando”. Kiev smentisce

Rodion Miroshnik: “Avanzata continua. Impossibile per Kiev rifornire le truppe ucraine a Severodonetsk e Lysichansk”. Sergiy Gaidai smentisce: “La regione non è isolata”.

Rodion Miroshnik: “La difesa Ucraina sta crollando”. Kiev: “Falso”

Continua l’avanzata russa nel Donbass, favorita anche dal ripiegamento delle unità ucraine in alcuni settori in cui rischiano di restare isolate, mentre prosegue la mobilitazione dei paesi della NATO per rifornire di armi le forze di Kiev e ipotizzare un contrattacco.

Secondo uno studio della testata statunitense Forbes, la Russia controlla il 20,7% del territorio dell’Ucraina, cioè circa 125 mila chilometri quadrati: una superficie tripla rispetto al territorio controllato da Russia e milizie di Donetsk e Luhansk (Crimea e parte del Donbass) al 23 febbraio.

L’ambasciatore dell’autoproclamata Repubblica popolare di Luhansk in Russia, Rodion Miroshnik, ha affermato questa mattina che le forze separatiste filo-russe della regione, insieme all’esercito russo e ai combattenti dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk, hanno sfondato le difese ucraine nella regione di Luhansk.

“La difesa Ucraina sta crollando. È in corso un assalto attivo a Zolote. Le truppe stanno avanzando verso Maloryazantsevo. Parte dell’autostrada strategica Lysichansk-Artemovsk e’ sotto il pieno controllo del fuoco delle forze alleate. Ciò ha portato alla quasi completa impossibilità di rifornire le truppe ucraine a Severodonetsk e Lysichansk”, ha scritto su Telegram Miroshnik ripreso dal britannico The Guardian.

Sono ovviamente notizie da confermare alle quali si aggiunge quella diffusa dal portavoce delle milizie della repubblica popolare di Luhansk, Ivan Filiponenko, che ha annunciato la “liberazione” del villaggio di Toshkovka, nella regione di Luhansk, pubblicando sui social il video delle operazioni militari.

Il capo dell’amministrazione militare ucraina di Lugansk Sergiy Gaidai ha invece smentito che l’esercito russo avrebbe isolato la regione dal resto dell’Ucraina e bloccato l’autostrada Lysychansk-Bakhmut, secondo quanto riporta Ukrinform. “La regione di Lugansk non e’ isolata. La strada Lysychansk-Bakhmut non e’ bloccata. E’ disponibile l’accesso a Lysychansk e Severodonetsk.”

Leggi anche

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli