26 C
Rome
lunedì 11 Ottobre 2021
NewsIl trionfo del 'chiagni e fotti': record di italiani in vacanza e...

Il trionfo del ‘chiagni e fotti’: record di italiani in vacanza e di assunzioni stagionali

I dati ufficiali di quest’estate smentiscono la litania degli imprenditori sugli stagionali che “non si trovano per colpa del reddito di cittadinanza” e di altre categorie imprenditoriali che invocavano più interventi dello Stato.

Record di italiani in vacanza: la crisi non troppo crisi

I numeri parlano chiaro: tra luglio e agosto gli italiani in vacanza nel nostro Paese hanno battuto ogni record: secondo un’indagine di Cna Turismo e Commercio, sono arrivati a 23 milioni in totale contro i 17 del 2020 e i 18 del 2019, l’anno precedente la pandemia.

E non solo. I dati Inps smentiscono gli allarmi sugli stagionali che “non si trovano per colpa del reddito di cittadinanza”.

Nell’estate che ha visto Renzi parlare di sofferenza come grande motivatrice sociale ontro i sussidi, il governatore campano De Luca, i ristoratori e gli operatori turistici lanciare gli allarmi sull’assenza di manodopera, sono stati attivati 142.272 rapporti stagionali. Contro i 78mila dello stesso mese del 2017 e i 90.500 del 2018, prima dell’introduzione del reddito di cittadinanza che secondo i sopra citati avrebbe dissuaso dall’accettare un posto di lavoro.

Dove sono finiti tutti quegli operatori disperati, i proprietari di attività che si incatenavano fuori i ministeri, davanti ai giornalisti, perchè non ce la facevano ad andare avanti? Probabilmente erano in vacanza.

Il trionfo del 'chiagni e fotti': record di italiani in vacanza e di assunzioni stagionali

Ovviamente c’è una grande fetta di popolazione in grande difficoltà, e l’autunno alle porte  vedrà aumentare ancor di più le criticità con l’ulteriore allargamento delle maglie dei licenziamenti, di cui abbiamo visto i primi effetti proprio in queste settimane, in realtà come la GKN, la Gianetti, Whirlpool.

E la battaglia confindustriale contro sussidi e lavoratori ha subito un accelerata violenta durante la “ripartenza”.

Ma c’è anhe una parte del paese che in queste contradizioni ha imparato a navigare, sfruttando non solo le occasioni, ma anche le debolezze altrui, tra irregolarità diffusa e precarizzazione.

Basti pensare che l’Ispettorato del lavoro ha comunicato gli esiti delle ispezioni di Ferragosto ed è emerso che  il 71% di aziende della ristorazione e del turismo sono risultate irregolari.

Criminalità imprenditoriale diffusa ma si parla del reddito di cittadinanza

La realtà è capovolta: l’eccezione è essere in regola. Se controlli parziali evidenziano tali risultati, pensate se l’ispettorato del lavoro avesse organici e mezzi e ci fosse vera volontà politica di aggredire la devastante illegalità imprenditoriale.

 

Leggi anche

Ferragosto 2020: la sindrome dell'ultima festa

 


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli