12.6 C
Rome
martedì 17 Maggio 2022
TecnèArteLetizia Battaglia: maestra di sguardi spiazzanti

Letizia Battaglia: maestra di sguardi spiazzanti

Un ritratto e un ricordo intenso di Letizia Battaglia nelle parole di Daniela Musumeci per Pressenza: “È stata maestra di sguardo, di scarti di prospettiva, di angolazioni inusuali, spiazzanti, ma ineludibili per capire.”

Letizia Battaglia: nostra maestra di sguardo

Di Daniela Musumeci*

Empatia

“È quella che provo un attimo prima di scattare.
Mi innamoro non del mio sguardo
ma di ciò che il mio sguardo in quel momento accoglie”


Ci è stata maestra prima che compagna, nella rivista di donne Mezzocielo (1991-2019), come Simona Mafai, come Giuliana Saladino. Simona maestra di letture imprescindibili, Giuliana maestra di scrittura asciutta, opposta ad ogni enfasi, lei, Letizia una maestra speciale: maestra di sguardo, di scarti di prospettiva, di angolazioni inusuali, spiazzanti, ma ineludibili per capire.

Sguardo, penetrazione, comprensione, nel buio fitto dei catoi come alla luce aperta del mare. Empatia per le “sue bambine”, per l’odiosa amata Palermo. Generosa e provocatoria, insofferente di fronte a ogni banalità, detestava essere definita la “fotografa della mafia”, con un riduzionismo pubblicitario che l’umiliava.

Tanto aveva fatto, instancabilmente creativa e indignata contro le ingiustizie sociali: i reportage per il quotidiano comunista “L’Ora”, il ciclo di foto dei malati all’Ospedale Psichiatrico all’epoca della legge Basaglia, la creazione del Laboratorio d’If, il giornale Grandevù, Mezzocielo, la casa editrice le Edizioni della Battaglia, il Centro di Fotografia dei Cantieri Culturali alla Zisa.

Letizia battaglia

Fu tra le prime ad accogliere in casa, ben più di venti anni fa, un minore straniero non accompagnato, tra mille dolorose inquietudini. Volle anche sperimentare, in solitudine, la vita a Parigi. Mai paga e sempre in cerca. E poi l’impegno politico, con i Verdi e con la Rete, prima al Comune, consigliera e assessora, poi alla Regione Siciliana, tra il 1987 e il 1996.

Di lei ci restano le palme diritte e determinate della Marina, il Centro dei Cantieri, non solo museo ma anche scuola. Ma soprattutto le foto, intramontabili e note in tutto il mondo. Foto in bianco e nero, soprattutto, perché l’attenzione ai “grigi”, a tutte le sfumature di grigio, significava per lei attenzione alla complessità, che sola assicura bellezza.

*Daniela Musumeci per Pressenza.
Ha pubblicato diverse raccolte di poesie e collaborato con la rivista “Mezzocielo” e l’associazione “Luminaria”. Attualmente partecipa alle attività del No Mafia Memorial, del Caffè Filosofico “B. Bonetti” e alla redazione di Palermo di Pressenza. È volontaria di Refugees Welcome Italia. Sta curando con altre autrici un’antologia di scrittrici e scrittori siciliani di ogni tempo.

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli