25.8 C
Rome
giovedì 12 Maggio 2022
SportCalcioAllegri non si ferma più: Sampdoria-Juventus 1-3, il Pagellone

Allegri non si ferma più: Sampdoria-Juventus 1-3, il Pagellone

La squadra di Allegri ottiene la terza vittoria di fila in campionato e sale momentaneamente a -7 dalla vetta, consolidando il 4° posto. Un autogol e un rigore portano i bianconeri al doppio vantaggio fin troppo generoso nel primo tempo. Nella ripresa i blucerchiati falliscono un penalty con Candreva (parato da Szczesny) e la riaprono nel finale grazie alla punizione deviata di Sabiri, ma la seconda rete di Morata chiude i conti. Sampdoria-Juventus 1-3, il Pagellone del colonnello Lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

Sampdoria-Juventus 1-3, il Pagellone

Sampdoria-juventus 1-3 (Yoshida 23’ (ag), Morata 34’ (r) e 88’ Sabiri 84’,)

 

Falcone 5 pasticcia con il compagno Yoshida ed è vantaggio bianconero. Suo rigore non può nulla e sulla terza rete non copre il primo palo. Ha avuto giornate migliori.

Bereszynski 5 il cross questo sconosciuto. Ne facesse uno. Sulla terza rete bianconera si perde Morata.

Yoshida 4 anticipa il portiere e segna. Nella sua porta.

Colley 4.5 riesce a farsi saltare da Kean a centrocampo e non contento gli fa fallo in area. Ripetiamo da Kean. Che lui ha fatto sembra Lukaku.

Augello 5.5 duella con Cuadrado e non sempre riesce a contenerlo.

Candreva 5.5 ci prova con un missile nel primo tempo. Tira bene il rigore ma non abbastanza da segnare.

Rincon 6 almeno ci mette grinta e garra. Quando ha il pallone non sa cosa farsene e non sempre per colpa sua.

Thorsby 5.5 solita partita generosa ma molti errori in fase di manovra. Fa spesso la cosa sbagliata nel momento sbagliato. Tipo Renzi.

Caputo 5.5 partita complicata. Raramente riesce a rendersi pericoloso.

Sensi 5 a parte un tiro che impegna Szczesny si fa notare per passaggi banali e spesso dietro la linea della palla.

Quagliarella 5 non tocca mai palla. Non gli arrivano palloni ma lui non ha più la forza di crearsele le azioni.

Sabiri dal 62’ 6.5 riapre per pochi minuti la partita con una punizione deviata dalla barriera. Gioca con la giusta determinazione.

Giovinco dal 66’ 5.5 la formica atomica di atomico non ha nulla. Al massimo pile Duracell mezze scariche. Si può puntare su un giocatore che entrerà in forma ad aprile?

Trimboli dall’83’ s.v. esordio in serie A. Auguri

Conti dall’83’ s.v.

Giampaolo 5

Su sette partite sotto la sua gestione ne ha perse cinque. Un rullino di marcia niente male. Con il Venezia può confermare quanto di buono sta facendo.

Juventus

Szczesny 7.5 nel primo tempo dice di no a Candreva e Sensi. Nella ripresa para un rigore e viene battuto solo da una deviazione su punizione.

Danilo 6.5 controlla Augello con una calma olimpica. Nessun pericolo dalle sue parti.

De Ligt 7 è il leader maximo della difesa bianconera. Insuperabile.

Rugani 6.5 si prende cura di Quagliarella che non la vede mai.

Pellegrini 6 ha un bel da fare con Candreva e non sempre ne esce vincitore.

Cuadrado 6.5 mette in mezzo la palla del vantaggio bianconero. È una spina nel fianco della difesa blucerchiata.

Locatelli 7 detta I tempi del centrocampo bianconero e serve il pallone del terzo goal juventino.

Arthur 6 lui di dirigere il gioco non ci pensa proprio. È più quantità che qualità.

Rabiot 5 solo lui poteva riaprire la partita. Fallo di mano ingenuo. Spaesato in mezzo al campo.

Kean 6.5 si conquista il rigore con caparbietà. Poco incisivo sotto porta.

Morata 7.5 è leader in campo. Trasforma il rigore e mette la parola fine ai pensieri di rimonta blucerchiati.

Vlahovic dal 65’ 5.5 non è mai nel vivo del gioco.

Alex Sandro dal 75’ s.v.

De Sciglio dall’85’ s.v.

Allegri 7

La sua Juventus è quadrata e pratica. Non gioca un calcio spettacolare ma quando si vince i tifosi si divertono a prescindere. La ricorsa continua.

 

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche


Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli