1.7 C
Rome
lunedì 29 Novembre 2021
SportCalcioInzaghi, missione compiuta: Inter-Shakthar 2-0, il Pagellone

Inzaghi, missione compiuta: Inter-Shakthar 2-0, il Pagellone

I nerazzurri tornano agli ottavi di finale dopo dieci anni. Dzeko si conferma un giocatore senza età e con la sua doppiettà trascina la squadra al successo. Inzaghi riesce dove i suoi predecessori avevano fallito. Inter-Shakthar 2-0, il Pagellone del colonnello Lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

Inter-Shakthar 2-0, il Pagellone

Inter-Shakhtar 2-0 (Dzeko 61’ e 67’)

 

Handanovic 6 ha poco lavoro. Da segnalare nel primo tempo quando, con un rinvio, abbatte un compagno. Salvato dal palo nel finale.

Skriniar 7 prestazione solida. Mette al suo posto Solomon che pensava di fare chissà cosa.

Ranocchia 7 altra grande prestazione di Capitan Frog. Sfiora la rete nel primo tempo.

Bastoni 7 era in dubbio. Se aveva qualcosa non se ne è accorto nessuno. Non sbaglia nulla.

Darmian 7 altra prestazione da incorniciare. Un giocatore insostituibile. Un uomo recuperato. La prova che anche arrivando dal nulla puoi fare grandi cose.

Barella 6 ha bisogno di rifiatare. Nel primo tempo sbaglia un goal davanti al portiere. È comunque dinamico e pugnace.

Brozovic 7 grande regia. Sabato a Venezia gli daranno il Leone d’oro.

Calhanoglu 7 sempre nel vivo dell’azione sia in fase di possesso che di non possesso. Sradica palloni agli avversari e fa ripartire l’azione. Letale sui corner. Sull’altro Naviglio non hanno mai visto un Cahla così.

Perisic 7.5 manca solo il goal, che in realtà segna ma gli viene annullato, nella sua prestazione sontuosa. Attacca mandando nel panico la difesa avversaria e difende con recuperi strepitosi. È il padrone della fascia.

Dzeko 7.5 nel primo tempo non da la sensazione di avere il piede caldo. Un paio di tiracci intollerabili anche per una tifoseria dal palato ruspante come i gallesi del Haverfordwest. Nella ripresa mette in bolla la convergenza e con un destro abbatte la difesa ucraina. Di testa mette la parola fine alla contesa.

Martinez 6.5 crea apprensione alla difesa ucraina. Segna un goal che gli viene annullato. Si batte come un toro nell’arena.

Correa dal 68’ 6 un paio di discese pericolose.

Vidal dal 78’ s.v.

D’Ambrosio dal 78’ s.v.

Dimarco dall’86’ s.v.

Sensi dall’86’ s.v. nei pochi minuti a disposizione sfiora il goal.

Inzaghi 7

Non sbaglia nulla. Sono i suoi ragazzi che sbagliano molto sotto porta. Porta a casa i tre punti e la qualificazione.Calcio, l'Uefa vuole eliminare la regola dei gol in trasferta

 

Shakhtar Donetsk

Trubin 7 para tutto quello che può. Sulle reti non ha colpe. Esce a testa alta.

Dodo 5 a parte il palo che colpisce nel finale la sua è una prestazione da incubo. Perisic lo bullizza fin dal primo minuto.

Vitao 6 si batte bene e contiene i danni. Non facile fermare le punte avversarie.

Marlon 5 si perde Dzeko sul 2-0. Ha atteggiamenti da bulletto da periferia.

Matvyienko 5 non riesce a fermare Darmian che fa quello che vuole.

Stepanenko 6 fa da schermo davanti alla difesa con risultati accettabili.

Maycon 6 cerca di arginare i blitz dei nerazzurri.

Teté 5 partita frustrante. Non riesce mai ad essere pericoloso. Viene facilmente murato dalla difesa interista.

Pedrinho 5 non si vede mai a parte una ciofeca di tiro nel primo tempo.

Solomon 6 un paio di corner conquistati.

Fernando 6 si sbatte ma viene controllato bene dai difensori interisti.

Antonio dal 46’ 5 non cambia l’esito della partita.

Bondarenko dal 73’ 6 un paio di accellerate interessanti.

Marlos dall’80’ s.v.

Mudryk dall’81’ s.v.

De Zerbi 5

Per il rossonero asintomatico la sua squadra non era pronta per l’Europa. Se lo fosse non avrebbe lui come allenatore.

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche


Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

1 COMMENT

Comments are closed.

Ultimi articoli