21.6 C
Rome
giovedì 19 Maggio 2022
PanNella Via Lattea è stato avvistato un oggetto inquietante e completamente sconosciuto

Nella Via Lattea è stato avvistato un oggetto inquietante e completamente sconosciuto

È stato trovato nella Via Lattea un oggetto che non si capisce cosa sia. La dottoressa Hurley-Walker, ha definito la scoperta “assolutamente sorprendente e anche un po’ inquietante”.

Osservando la Via Lattea…

Uno studente universitario australiano, Tyrone O’Doherty della Curtin University, durante un’osservazione svolta con una nuova tecnica da lui inventata, come riporta la Bbc: ha individuato un misterioso oggetto nella Via Lattea dal quale, esattamente ogni diciotto minuti, si può vedere “esplodere” una grande quantità di onde radio per la durata di un minuto intero.

Il fenomeno, dopo la segnalazione da parte dello stesso studente, è stato osservato dalla comunità scientifica che lo ha confermato.

Gli oggetti nel cosmo capaci di emettere energia sono insoliti una scoperta piuttosto frequente durante le osservazioni della Via Lattea. Ma stavolta c’è una peculiarità del tutto anomala, ovvero che l’esplosione di energia si ripeta periodicamente ogni diciotto minuti e duri ogni volta un minuto.

La dottoressa Natasha Hurley-Walker, a capo del team che sta studiando l’oggetto, lo ha definito come una scoperta “assolutamente sorprendente. Una cosa del genere è anche un po’ inquietante per un astronomo, perché non c’è niente di conosciuto nella Via Lattea che si comporti in quel modo”.

Questi oggetti che si “accendono e si spengono” si chiamano “transients”, una categoria che comprende una vasta quantità di oggetti ed eventi astronomici. Ma nessuno di quelli fino ad ora conosciuti si è mai manifestato con fenomeni ripetuti ad intervalli perfettamente regolari.

Al momento, durante le recenti osservazioni, sappiamo che l’oggetto si trova a circa quattromila anni luce di distanza dalla Terra, che è luminosissimo e possiede un fortissimo campo magnetico.

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli