8.4 C
Rome
domenica 23 Gennaio 2022
PolisMondoNoam Chomsky: "Non esiste nessuna minaccia cinese, Biden come Trump"

Noam Chomsky: “Non esiste nessuna minaccia cinese, Biden come Trump”

Secondo Noam Chomsky “Biden ha praticamente ripreso la politica estera di Trump. Il caso peggiore sono le crescenti azioni provocatorie nei confronti della Cina”.

Di Brett WilkinsCommon Dreams

Noam Chomsky: “Non esiste nessuna minaccia cinese”

Noam Chomsky, professore laureato in linguistica all’Università dell’Arizona e professore emerito dell’Istituto al MIT, è una delle poche voci fuori dal coro, da sempre critico verso il militarismo americano.

In un suo intervento su Democracy Now!, il professore ha accusato il presidente Joe Biden di continuare una pericolosa politica di provocazione con la Cina, respingendo l’idea imperialista che Pechino rappresenti una minaccia per gli Stati Uniti e sollecitando un allontanamento dalla “provocazione” che per decenni ha caratterizzato la posizione degli Usa nei confronti del gigante emergente.

Pur riconoscendo al presidente  democartico di aver eliminato “alcuni degli elementi più tremendamente selvaggi” delle politiche dell’ex presidente Donald Trump, compresa la sospensione dei finanziamenti statunitensi per l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso dei rifugiati palestinesi (UNRWA), Chomsky ha affermato che “Biden ha praticamente ripreso la politica estera di Trump”. “Il caso peggiore sono le crescenti azioni provocatorie nei confronti della Cina. Questo è molto pericoloso”.

Il linguista ha così continuato:

“Ormai si parla continuamente di quella che viene chiamata la minaccia cinese. Si può leggere in editoriali solitamente sobri e ragionevoli, sulla terribile minaccia cinese e sul fatto che dobbiamo agire rapidamente per contenere e limitare tale minaccia.

Qual è esattamente la minaccia cinese? In realtà questa domanda viene raramente sollevata qui da noi. Se ne parla in Australia, il paese che è proprio negli artigli del drago. Recentemente l’illustre statista, l’ex primo ministro Paul Keating, ha pubblicato un saggio sulla stampa australiana sulla minaccia cinese. Alla fine ha concluso realisticamente che la minaccia cinese è rappresentata dalla stessa esistenza della Cina.”

La Cina continua a crescere. Cosa non abbiamo capito del gigante asiatico?

Le critiche dell’ex premier australiano alla politica anticinese del suo governo

Parlando al National Press Club of Australia all’inizio di questo mese, Paul Keating, che è stato primo ministro del partito laburista dal 1991 al 1996, ha accusato il governo di destra del suo paese di agire contro i propri interessi sostenendo gli Stati Uniti nella sua campagna per ciò che gli antimperialisti hanno chiamato “rumore di sciabola” su Taiwan.

Taiwan non rappresenta un interesse vitale australiano”, ha insistito Keating nel suo controverso discorso“Non abbiamo alcuna alleanza con Taipei”.

Siamo impegnati con ANZUS per un sostegno alle forze statunitensi, ma… non un attacco da parte delle forze statunitensi, il che significa che l’Australia non dovrebbe essere coinvolta, a mio avviso, in uno scontro militare su Taiwan”, ha aggiunto, riferendosi al Trattato di sicurezza che gli Stati Uniti hanno sottoscritto con Australia e Nuova Zelanda.

Quel patto dell’era della Guerra Fredda ha ora 60 anni. Più di recente, gli Stati Uniti e alcuni dei suoi stretti alleati si sono opposti a Pechino firmando l’accordo militare anti-Cina Australia-Regno Unito-Stati Uniti (AUKUS). Gli Stati Uniti, l’Australia, l’India e il Giappone hanno anche lanciato il Dialogo quadrilaterale sulla sicurezza per affrontare il dossier sulla Cina.

Tornando a Noam Chomsky, il professore ha affermato che l’antagonismo degli Stati Uniti nei confronti della Cina è motivato dal fatto che la fiorente superpotenza non può essere controllata da Washington.

Gli Stati Uniti non tollereranno l’esistenza di uno stato che non può essere intimidito come può esserlo l’Europa, che non segue gli ordini degli Stati Uniti come fa l’Europa, ma segue il proprio corso”, ha affermato. “Questa è la minaccia.”

Pur riconoscendo le “cose ​​terribili” che il governo cinese fa all’interno dei propri confini, Chomsky ha insistito sul fatto che “non sono una minaccia”.

Capovolgendo la retorica, ha chiesto: “Il sostegno degli Stati Uniti alla guerra terroristica di Israele contro due milioni di persone a Gaza, dove i bambini vengono avvelenati, un milione di bambini stanno affrontando l’avvelenamento perché non c’è acqua potabile, è una minaccia per la Cina?

È un crimine orribile”, ha detto, “ma non è una minaccia per la Cina”.

I critici della politica estera degli Stati Uniti hanno notato che mentre la Cina non inizia una guerra da oltre una generazione, gli Stati Uniti hanno invaso, bombardato o occupato oltre una dozzina di nazioni dagli anni ’80.

Common Dreams

Suicidi record tra i soldati Usa: il costo umano del militarismo

*Traduzione in italiano a cura di Sinistra in Europa

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli