28.5 C
Rome
sabato 21 Maggio 2022
PolisCaos M5s dopo il Quirinale: Conte vuole cacciare Di Maio?

Caos M5s dopo il Quirinale: Conte vuole cacciare Di Maio?

Bufera M5s dopo il Quirinale: l’ex premier appoggiato da Di Battista riflette sulla richiesta di espulsione per il ministro degli Esteri accusato di aver creato una corrente.

Il caos M5s dopo il Quirinale: così Conte rischia il posto ma vuole cacciare Di Maio

Non c’è pace per il MoVimento 5 Stelle che, dopo l’elezione di Sergio Mattarella al Quirinale, va verso la resa dei conti finale. Si è scatenato unos contro durissimo e pubblico tra Giuseppe Conte e Luigi Di Maio che apre scenari di ogni tipo.

Si va dal chiarimento pubblico per ragioni di opportunità,  alla scissione, fino a quella più clamorosa dell’espulsione del ministro degli Esteri dal MoVimento.

A gettare benzina sul fuoco e l’eterno dissidente Alessandro Di Battista che si è schierato con l’ex premier, ma anche Beppe Grillo lascia trapelare molta irirtazione dopo il caso di Elisabetta Belloni, indicata da Conte e non appoggiata da Di Maio.

Di Battista viene e va: ora c'è il tour degli scontenti a cinque stelle

Secondo i retroscena anticipati dalla Stampa i big grillini vicini a Conte accusano Di Maio di aver puntato su altre candidature durante la partita del Quirinale e di di aver creato una vera e propria corrente. Ma questa cosa è espressamente vietata dallo Statuto grillino e potrebbe portare all’espulsione. La sentenza però dovrebbero emetterla gli iscritti M5s con un voto in rete.

Uno scenario piuttosto complesso e di difficile attuazione. Ma c’è anche l’altra possibilità, ovvero che il ministro degli esteri anticipi tutti andandosene ma portandosi dietro un buon numero di eletti e magari anche qualche voto.

Sul tavolo c’è anche il problema del governo. Conte, secondo i big vicini a Di Maio, avrebbe deciso di togliere l’appoggio del M5s a Draghi e quindi di ritirare tutti i ministri e i sottosegretarie. Un’evenienza che gli altri vedono malissimo.

M5S e Draghi Crimi dice si, Grillo cita Platone, Di Battista sbuffa

La prova dell’intenzione di lasciare il governo da parte del premier sarebbe nella sua ritrovata vicinanza con Di Battista. Che continua a chiedere una riflessione nel M5s e, soprattutto, che ha posto come condizione per il suo rientro proprio l’addio a Draghi.

Altrimenti c’è l’ennesima operazione d’attesa, visto che il 2023 è vicino e  il parlamento sembra orientato a varare una legge elettorale proporzionale che consentirebbe la rielezione ai big grillini. Ma prima ci vuole la deroga per il terzo mandato. E sono proprio Grillo e Conte a doverla concedere.

I troppi nodi che il movimento si porta dietro stanno portando a un groviglio destinato a dover essere sciolto in un modo o nell’altro.

 

 

Leggi anche


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli