Quotidiano on-line ®

22.2 C
Rome
mercoledì, Agosto 17, 2022

Lega, i deliri di Lorenzo Gasperini contro i vaccinati: ‘Andrebbero esclusi dalla vita sessuale”

Tale Lorenzo Gasperini, consigliere della Provincia di Livorno per la Lega, scrive un post delirante su vaccini e giovani. Proviamo a commentare pacatamente.

Vaccini, da Livorno il leghista Lorenzo Gasperini esprime il suo -per così dire- pensiero

Carneade, chi era costui?” si chiedeva Don Abbondio. E se un curato, che allora come oggi deve studiare parecchio per prendere il posto, non sapeva -rectius non ricordava- chi fosse il filosofo di Cirene, non mi sento in colpa per non avere mai sentito nominare Lorenzo Gasperini. Figura di fila della Lega, 30 anni o giù di lì, è consigliere della Provincia di Livorno. Nonché, leggo, “consulente legislativo alla Camera”, ma questo incarico mi sa di stella di latta; oppure egli lo è davvero, e allora si spiegano tante cose.

 

Ad ogni modo il nostro scrive su Facebook:

“Un giovane sano che si vaccina dimostra debolezza, paura della morte, creduloneria, infermità intellettuale, facile obbedienza al primo politico che passa e lo minaccia e una psicologia da servo. Tutte caratteristiche che dovrebbero comportare come minimo l’esclusione dalla vita sessuale, come contrappasso naturale”.

I deliri del leghista Lorenzo Gasperini 'Se non sei vaccinato e omosessuale non sei nessuno' 2

Veramente a me nella temperie pandemica è parso di vedere un barlume di speranza proprio nei giovani: la più parte ha la consapevolezza della responsabilità individuale e dell’importanza sociale del vaccino e va a farselo inoculare senza capricci né lagne; nel lockdown li vedevo quasi tutti con le mascherine (a differenza dei tanti vecchi mal vissuti che si aggiravano a cercare e a procurare guai), e pur non gioendone hanno digerito la DAD molto meglio dei loro genitori, che in smart working tuonavano contro il Ministro dell’Istruzione solo perché sapevano che stando a casa i figli avrebbero presto capito che tanghero di padre e che scervellata di madre si ritrovano.

Tornando all’intemerata del nostro, mi pare evidente che si tratta di una proiezione: analizziamo. Anzi no, scendiamo sul suo stesso terreno.

I deliri del leghista Lorenzo Gasperini: Achtung! Satira.

 

Debolezza

Un giovane di Livorno che aderisce alla Lega e ne diventa rappresentante dimostra che al liceo i compagni di classe gli facevano gli scherzi perché era un occhialuto sociopatico. E poiché i compagni, almeno in larga parte, erano tali anche politicamente, egli si è buttato a destra per tentare una rivalsa personale.

Paura della morte

Credo sia incontestabile che la paura della morte, in modi e momenti diversi, riguardi la quasi totalità degli esseri umani. Ma costui, con la faccia e il corpo che si ritrova, vorrebbe darci a intendere di essere pronto a sfidare la signora con la falce: a occhio non ha fatto buone letture, e in ogni caso ha una preoccupante alterazione della percezione di sé.

Creduloneria

Detto da uno che dà retta a Salvini…

Infermità intellettuale

Il riscaldamento globale ha degli effetti di cui non si parla, ma che sono noti da molto tempo. “Il calore, meno poche eccezioni, giova alle produzioni del genio, come giova alla vegetazione, come pur troppo contribuisce alla eccitazione maniaca” (Marco Ezechia Lombroso)

Facile obbedienza al primo politico che passa

Un’immagine vale più di mille parole:

Psicologia da servo

Nel 2017 si è laureato in filosofia con una tesi su “Pier Paolo Pasolini e il radicalmarxismo: una verifica dell’interpretazione transpolitica della storia di Augusto Del Noce“, argomento evidentemente scelto per meglio accreditarsi presso i suoi referenti politici: altrimenti perché, fra tutti i marxisti italiani (Antonio Banfi, Giulio Preti, Enzo Paci, Ludovico Geymonat) andare a prendere giusto Pasolini? Ma forse c’è un altro motivo…

Esclusione dalla vita sessuale come contrappasso naturale

Gasperini è chiaramente un represso, e comunque uno così non chiava nemmeno se va con 100 euro in tasca al Picchianti (per i non livornesi: zona industriale di giorno, luogo di meretricio da strada la notte).

Dal faceto al serio: ma chi sceglie i candidati?

Ora, dopo avere giocato con un certo tipo di linguaggio, e solo per mostrare quanto esso sia volgare e sgradevole, ci sarebbe da chiedersi come è possibile che in politica ci siano sempre più frequenti episodi di dichiarazioni imbarazzanti. Vero che non ci sono più le scuole di partito, vero che ormai si imbarca chiunque, vero anche che l’ostensione di sé tramite i social è un terreno assai scivoloso. Ma la concentrazione delle esternazioni aberranti in un ben delineato fronte politico (purtroppo non in esclusiva, va detto) lascia pensare che non sia proprio tutto casuale.

Ha un bel dire Mario Lolini, commissario della Lega in Toscana, che Gasperini deve autosospendersi La Lega chiede a Gasperini di autosospendersi altrimenti prenderà provvedimenti – Livornopress – notizie livorno , resta il fatto che stiamo parlando di una forza politica il cui leader ha più volte ammiccato incivilmente ai no vax e si propone come macho d’altri tempi: vigoroso nel corpo, di ben protesi sensi, spregiatore del vizio (anche se la sua ossessione contro le droghe è incomprensibile e contraddittoria, dal momento che le porcherie che ingerisce in favore di fotocamera sono molto più dannose dell’eroina).

Ma, come è doverosa l’avversione a talune idee, non bisogna mai cedere alla tentazione della condanna delle persone. Non resta pertanto che augurare ogni bene a Lorenzo Gasperini: in fondo è giovane, magari si è guastato con le cattive compagnie ma potrà redimersi, come il protagonista di “American history X”. Senza offesa per i neonazisti americani.

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

A.C. Whistle
A.C. Whistle
Giurista e poeta

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli