21.6 C
Rome
giovedì 19 Maggio 2022
LifestyleDemna Gvasalia regala emozioni forti alla sfilata Balenciaga

Demna Gvasalia regala emozioni forti alla sfilata Balenciaga

Considerando i tempi attuali e riportandoli all’industria della moda, non potevo che dedicare tutto uno spazio sempre a lui, Demna Gvasalia, probabilmente lo stilista più innovativo degli ultimi tempi, a capo della direzione creativa di Balenciaga.

Balenciaga

 

Demna Gvasalia regala emozioni forti alla sfilata di Balenciaga a Parigi.

Balenciaga

Ho voluto tradurre e riportare le riflessioni dello stilista, molto toccato dall’attacco all’Ucraina da parte della Russia.

“Personalmente ho sacrificato troppo a causa della guerra” Gli eventi della scorsa settimana, racconta lo stilista, hanno fatto riemergere ricordi che io e mia madre avevamo riposto in una scatola che non avevamo mai riaperto, fino ad ora, realizzando di non aver mai superato questa esperienza.”

Balenciaga

“Gli orrori inflitti ai civili in Ucraina sono nuovamente traumatizzanti per un uomo, come me, che è stato un bambino rifugiato, all’età di dieci anni in fuga dalla guerra in Abkhazia, Georgia, nel 1993.”

Balenciaga

“Mi sono rivisto trent’anni fa, rifugiato, a camminare tra sentieri impervi e freddi, insieme a altri bimbi e famiglie, senza sapere a cosa andavamo incontro e se la città ci sarebbe crollata addosso.”

Balenciaga

Devo ammettere che è stato difficile per me esprimere questa esperienza così traumatica. Non sapevo più se andare avanti o cancellare la sfilata”.

“Stando qui oggi e realizzando questa sfilata, ho pensato che invece, avrei potuto esprimere visivamente quel percorso. Come l’esodo di tante persone seminude, che camminavano sfidando il vento gelido.”

Balenciaga

Balenciaga

“Purtroppo ho capito molto bene, per mia esperienza, a cosa il mondo sta andando incontro, mentre le donne lottano per portare i loro figli in salvo da condizioni estremamente difficili.”

“E’ lo stesso, ha detto, lo stesso aggressore, forse stanno utilizzando anche gli stessi aerei di anni fa. E vedendo nuovamente tutto questo orrore ho pensato che no, non dovevo annullare niente, al contrario, ho deciso che dobbiamo resistere!”

Balenciaga

Il legame di Demna  con la difficile situazione dell’Ucraina è tanto più straziante per il fatto che uno dei primi rifugi della sua famiglia sfollata era a Odessa, la bellissima città nel sud del paese, ora minacciata dalle forze russe.

“Sono andato a scuola in Ucraina, e fin d’allora è sempre stato un incubo imbarazzante per me, l’idea di dovermi alzare e parlare di poesia di fronte a tutta la classe. Ma questa volta, in questa situazione, ho capito che era una cosa che dovevo e volevo fare.”

Per introdurre la sfilata, sono state posate su ogni sedia, magliette blu e gialle, i colori della bandiera Ucraina, e una dichiarazione dello stilista che afferma – “l’amore deve vincere”.

Poi la sua voce ha riempito l’auditorium, leggendo l’incoraggiamento a credere nell’Ucraina di Oleksandr Oles, uno dei più grandi poeti ed eroi culturali della nazione. Non c’è dubbio, Demna ha voluto che fosse ascoltato esclusivamente in lingua Ucraina. Non è stata fornita nessuna traduzione.

 

“Lo capiranno quelli che hanno bisogno di ascoltarlo” ha detto…

“Le lotte di potere territoriali, ideologiche e militari Est – Ovest in Europa, risalgono a molto lontano. Ma da sempre, tra tutte le comunità bilingue ma culturalmente distinte che co-abitano terre di confine tra blocchi di potere, sono i popoli indifesi che diventano vittime.”

Balenciaga

Ambientata in una rotonda di vetro, come simulazione di un gigantesco globo di neve, la produzione della sfilata è stata pianificata come uno dei confronti meta-immersivi di Demna con il cambiamento climatico, proiettato in un tempo non molto lontano in cui la neve non esisterà più, e diventerà una meraviglia che potrà essere “vissuta solo attraverso la realtà virtuale.

“Sono andato in montagna lo scorso natale, e non c’era la neve” racconta sempre lo stilista…

Ma i fatti attuali hanno capovolto il significato iniziale della messa in scena di questa sfilata: i modelli che lottano in avanti, piegati contro la neve e il vento, alcuni che trasportano pesanti borse tote, hanno assunto un significato completamente diverso in questo contesto angosciante di guerra.

Nel backstage, Demna è stato chiaro, lo scenario apocalittico si è sincronizzato con la situazione attuale, dando la sensazione di esposizione impotente agli elementi che aveva attraversato durante la sua fuga da bambino, costretto a scalare a piedi una montagna georgiana.

La parte in cui i modelli erano avvolti solo in un asciugamani e biancheria intima, in particolare, ha riportato indietro lo stilista ai suoi durissimi ricordi.

Anche se l’attualità non aveva mai travolto il mondo della moda come accade ora, le sfilate di Demna Gvasalia per Balenciaga hanno sempre assunto dei temi attuali e spesso profetici.

Come l’ultima, stupenda sfilata, sull’orlo della pandemia nel Marzo 2020, quando ha affrontato il pubblico con cieli in fiamme e un minaccioso lago oleoso che lambiva i piedi degli ospiti.

Sinistri avatar maschili vestiti di nero, a rappresentare il mondo di affari e religione che dominavano la scena. Tutte queste “ansie ambientali” e geopolitiche, la paura delle forze oscure che sono realmente al commando – si sono avverate.

Cosa ci lascia la moda? La tribù di sopravvissuti Balenciaga di Demna ha continuato, nonostante tutto, a calpestare con i tacchi a spillo e gli stivali alti fino alla coscia, venti contrari innevati verso qualsiasi futuro ci attenda.

Un eleganza stoicaabiti neri, asimmetrici che soffiano voluminosi nel vento artico. Ibridi oversize di felpa con cappuccio e capispalla imbottiti; giacche di pelle realizzate con la nuova tecnica alternativa “micelio” di Balenciaga, ovvero la nuova pelle vegetale ottenuta dai funghi.

Borse tote accoppiate con stivali, e alla fine, due look, uno una tuta gialla, l’altro l’abito blu con un lunghissimo trenino a forma di bandiera: i due colori inconfondibili della nazione democratica e indipendente dell’Ucraina.

 

Leggi Kulturjam LifeStyle

Kulturjam Lifestyle

Leggi anche

 

 

 

 

 

 

 

 


Cris H Loi
Cris H Loi
personal styling & image consultant wardrobe consultation bespoke strategies for retail growth product development buyer & visual merchandiser

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli