Quotidiano on-line ®

25.3 C
Rome
lunedì, Luglio 4, 2022

La nascita del punk: 45 anni fa l’intervista di Bill Grundy ai Sex Pistols

Per quanto sia arbitrario definire la data di inizio di un fenomeno culturale, per il punk potremmo fissarla al 1° dicembre 1976, giorno della famosa -e incauta, col senno di poi- intervista di Bill Grundy ai Sex Pistols.

I tre minuti di “intervista punk” che lanciarono i Sex Pistols e rovinarono Bill Grundy

Quando per inconfutabile oggettività statistica gli anni che restano da vivere sono molto meno della metà di quelli che abbiamo vissuto, si comincia a pensare a tutte le cose che accadranno nel mondo e che noi non faremo in tempo a vedere ma i giovani sì, e vorremmo essere nati un paio di decenni dopo per godercela ancora un po’.

Ma l’essere nato quando sono nato mi ha consentito di vedere Londra negli anni del punk, mentre mia figlia non vedrà mai nulla del genere, tiè.

La nascita del punk: 45 anni fa l’intervista di Bill Grundy ai Sex Pistols

Il 1° dicembre del 1976 è un mercoledì freddo e piovoso (non che io fossi lì quel giorno, ma volevo dare un ulteriore tocco di vissuto al racconto, e poi che tempo credete che ci fosse in Inghilterra a fine autunno?) e alle 18:00 sul canale locale londinese Thames inizia il Today Show condotto da William Grundy, detto -con travolgente fantasia britannica- “Bill”.

La nascita del punk: 45 anni fa l’intervista di Bill Grundy ai Sex Pistols

La nascita del punk: 45 anni fa l’intervista di Bill Grundy ai Sex Pistols
1.12.1976, Today Show (Bill Grundy è a destra, con un foglio tra le mani)

Si dice che gli ospiti dovessero essere i Queen, i quali avrebbero però annullato l’impegno all’ultimo momento. Com’è come non è, il compassato Grundy si trova in studio i Sex Pistols. Il conduttore, probabilmente ignaro del mutamento controculturale che stava travolgendo il mondo al di fuori del suo studio televisivo, prova a fare lo spiritoso, generando un botta e risposta con Glen Matlock e Johnny Rotten e poi un crescendo di insulti da parte di Steve Jones, il quale termina dando del “fottuto mascalzone” allo sbigottito Bill. Quando parte la sigletta finale, i Sex Pistols ballano.

Nessuna descrizione può rendere la magia nichilista di quei tre minuti, per cui vi rimando al video e al testo integrale dell’intervista:

 

“The filth and the fury!”, oscenità e furore…

La nascita del punk: 45 anni fa l’intervista di Bill Grundy ai Sex Pistols

…così titolò il Daily Mirror il giorno successivo. “Oscenità e furore!” travolsero il programma, che venne cancellato poco dopo, e con esso il povero Bill, il quale non tornò mai più ai livelli di popolarità di cui aveva goduto.

1978: “No one is innocent”

Ma i Sex Pistols non lo avevano dimenticato. Nel gennaio 1978 sono ormai senza Johnny Rotten, che se ne era andato per formare i PIL, e senza Sid Vicious, uscito o forse cacciato dal gruppo per motivi di ubriachezza droga sesso (tutto molto punk, come la sua morte per overdose che seguirà di lì a poco). Paul Cook e Steve Jones vanno a Rio de Janeiro a trovare il superlatitante Ronnie Biggs, fra gli autori della “Grande rapina al treno” del 1963, colà rifugiatosi per sfuggire all’estradizione.

La nascita del punk: 45 anni fa l’intervista di Bill Grundy ai Sex Pistols

Con lui incidono il brano “No one is innocent”, che poi finirà nell’LP “The great rock ‘n roll swindle”. Nel pezzo si citano malfattori reali o figurati (nell’ordine il nazista Martin Bormann, gli infanticidi Myra Hindley e Ian Brady, i politici, i maiali, Ronald Biggs, la pecora nera, il buon samaritano) ma la prima strofa è dedicata al buon vecchio Bill:

45 anni fa l’intervista di Bill Grundy ai Sex Pistols 8

God save the Sex Pistols

they’re a bunch of wholesome blokes

they just like wearing filthy clothes

and swapping filthy jokes

God save television

keep the programmes pure

God save William Grundy

from falling in manure

Dio salvi i Sex Pistols

sono una combriccola di ragazzi sani

amano indossare vestiti luridi

e raccontarsi barzellette sporche

Dio salvi la televisione

mantenga puri i programmi

Dio salvi William Grundy

dal cadere nel letame

Sex Pistols – No One Is Innocent

 

Bill Grundy morirà nel 1993 a 69 anni.

La nascita del punk: 45 anni fa l’intervista di Bill Grundy ai Sex Pistols

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

Leggi anche

A.C. Whistle
A.C. Whistle
Giurista e poeta

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli