-0.8 C
Rome
lunedì 24 Gennaio 2022
SportCalcioGravina, Lotito, Beccalossi e Inter-Roma 3-1, il Pagellone

Gravina, Lotito, Beccalossi e Inter-Roma 3-1, il Pagellone

I nerazzurri non si fermano più, la squadra di Antonio Conte piega anche la Roma al termine di una partita piacevole e giocata a viso aperto: è il 15° successo casalingo di fila di questo campionato. Inter-Roma 3-1, il Pagellone del colonnello Lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

Inter-Roma 3-1, il Pagellone

 

Beccalossi 10  ha compiuto 65 anni. Uno dei più grandi talenti inespressi del calcio italiano. Un giocatore che non poteva che indossare la maglia nerazzurra. Capace di due reti, di destro e di sinistro, in un derby contro il Milan e di sbagliare due rigori, in 5 minuti, contro lo Slovan Bratislava in Coppa delle Coppe. Se non è interismo questo. Buon compleanno Beck!

Gravina 2 minaccia, per interposta persona, la Juventus di non iscriverla al prossimo campionato di serie A. Peccato che si dimentichi di farle levare i due scudetti revocati ed incredibilmente esposti nel suo stadio. Il rispetto delle regole inizia da questo.

Lotito 10 due squadre in serie A e due tifoserie che lo detestano. Purtroppo ne farà felice solo una.

Suning 4 dopo lo scudetto vinto (8 il voto per gli investimenti), da allenatore e giocatori, un po’ di chiarezza non guasterebbe. Anche in cinese. Tanto abbiamo google traslate.

Gravina, Lotito, Beccalossi e Inter-Roma 3-1, il Pagellone

Inter-Roma 3-1 (Brozovic 11′, Vecino 20′, Mkhitaryan 31′, Lukaku 90′)

 

Radu 6 prima partita da titolare. Se la cava abbastanza bene. Sulla rete può poco. Qualche indecisione ma anche interventi decisivi figli di attenzione e concentrazione.

Skriniar 6.5 difende e si sgancia tutte le volte che può. In difesa quasi impeccabile.

Ranocchia 7 la cartolina della partita di Capitan Frog è l’intervento di testa nel finale di partita. Era in ritardo ma ci arriva lui e salva un goal quasi fatto.

D’Ambrosio 6.5 salva quasi sulla linea e tiene botta tutta la partita alle incursioni dei romanisti.

Darmian 6.5 spinge e crea problemi alla difesa avversaria. Assist per il primo goal interista.

Barella 6.5 solita partita generosa. È ovunque. Ha un calo nel secondo tempo ma si fa trovare pronto per il finale di partita.

Brozovic 7 ritrova il goal grazie ad un assist di Darmian ed esulta come un tamarro. Detta i tempi alla squadra senza mai perdere lucidità e concentrazione.

Vecino 6.5 tanto movimento ed il goal del 2-0 su assist di Romelu. Si mangia un altro goal su tacco di Sanchez.

Perisic 6 partita senza squilli e rulli di tamburo. Un bel tiro di poco sopra la traversa.

Sanchez 6 protagonista in tutte le azioni pericolose. Lanciato a rete viene fermato da Santon. Prende un calcio da Darboe ed è costretto ad uscire. Peccato perché la sua partita prometteva bene.

Lukaku 7 gioca sempre per i compagni ed ingaggia una sfida tosta con Kumbulla. Segna la rete del 3-1 e scrive Game over alla partita.

Martinez dal 35′ 5 questa volta è il peggiore dell’Inter. Per la prestazione, deambula per il campo senza combinare niente, e per il teatrino sulla sostituzione. Una reazione fuori luogo che non è da lui. Una caduta di tono può capitare ma che non si deve ripetere.

Hakimi dal 59′ 6.5 quando prende palla sembra lo struzzo beep beep. Sulla terza rete si invola verso la porta avversaria e serve un pallone al bacio al compagno Lukaku.

Sensi dal 59′ 6 giocate semplici senza strafare.

Pinamonti dal 77′ 6 si mangia un goal da buona posizione ma gli fanno un fallo da rigore che non viene fischiato.

Young dal 77′ s.v.

Conte 7

La sua Inter non è sazia e batte anche la Roma. Cambiano gli interpreti ma la squadra gioca a memoria perché ha una sua chiara identità. Sabato ha la possibilità di rendere la stagione perfetta andando a vincere a Torino.

 

Roma-Inter 2-2, il Pagellone di Lobanovsky

Roma

Fuzato 6 prende tre goal. Il primo un rigore in movimento. Sul secondo copre male sul suo palo. Sul terzo assiste impotente al suo tragico destino. Poteva andare peggio.

Karsdorp 6.5 prima mezz’ora imbarazzante. Non ci capisce niente e sbaglia tocchi elementari. Si riprende bene e cresce con il passare dei minuti. Nel secondo tempo è propositivo ma poco aiutato dai compagni.

Kumbulla 5.5 serata complicata. Sanchez finché rimane in campo lo manda in crisi. Qualche duello vinto con Lukaku che alla fine fa un assist e segna lo stesso.

Mancini 5 si fa una bella dormita su Vecino che segna il 2-0. Quando l’Inter alza il ritmo sono guai.

Santon 5 si perde Darmian che serve bene Brozovic sulla prima rete nerazzurra. È graziato dall’arbitro quando ferma Sanchez lanciato a rete. Era rosso.

Darboe 5.5 sicuramente ha personalità e fa vedere qualche giocata interessante. Irruento manda Sanchez anzitempo negli spogliatoi. Non gli viene fischiato il rigore su Pinamonti e si salva dal secondo giallo e la conseguente espulsione.

Cristante 5.5 sulla prima rete nerazzurra ha il suo carico di responsabilità. Si batte bene e nel secondo tempo è pericoloso di testa. Manda la palla fuori.

Pellegrini 6 si riprende nella ripresa con qualche trama interessante. Tenta il tiro da fuori.

Pedro 5 un fantasma in campo. Nel primo tempo non gli riesce nulla. Viene sostituito nella ripresa.

Mkhitaryan 6.5 con un suo piattone riapre i giochi e mette pathos alla partita. Si batte come può facendosi forza con il fisico e la tecnica. Cala nella seconda parte della ripresa.

Dzeko 7 manda in goal Mkhitaryan e colpisce un palo nel secondo tempo. Giocate delle sue davanti agli occhi di Conte che è un suo estimatore da sempre.

El Shaarawy dal 46′ 6 entra bene in partita e Ranocchia gli leva dalla testa il possibile 2-2.

Villar dal 77′ s.v.

Peres dall’88’ s.v.

Perez dall’88’ s.v.

Fonseca 5.5

Approccio da gita scolastica. Nella ripresa si vede un’altra Roma che avrebbe meritato di più. Sabato il derby. Riuscirà a perdere pure quello?

Gravina, Lotito, Beccalossi e Inter-Roma 3-1, il Pagellone

 

Leggi anche

 


Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli