-4.1 C
Rome
domenica 23 Gennaio 2022
SportCalcioDumfries e Guida salvano Allegri: Inter-Juventus 1-1, il Pagellone

Dumfries e Guida salvano Allegri: Inter-Juventus 1-1, il Pagellone

I nerazzurri controllano la gara senza affanni, dopo il vantaggio al 17′ firmato Edin Dzeko, contro una squadra bianconera apparsa sterile e con poche idee, fino all’87’, quando Mariani assegna un rigore con una chiamata di Guida dal Var che farà discutere. Inter-Juventus 1-1, il Pagellone di Lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

Inter-Juventus 1-1, il Pagellone

Inter-Juventus 1-1 (Dzeko 17’, Dybala 89’ r)

Handanovic 6 nessun errore che sia costato caro alla difesa interista ma Samir non da più certezze e sicurezze. Ti aspetti sempre l’errore dietro l’angolo. E non para più un rigore.

Skriniar 7 dalle parti di Skriniar non passi manco con il green pass e gli avversari girano a largo.

De Vrij 6.5 duella con Morata e controlla bene lo spagnolo. Nessuna sbavatura ma poco ispirato in fase di costruzione.

Bastoni 5.5 il ragazzo non passa un bel momento. Nessun clamoroso errore ma la sensazione di essere l’anello debole del muro difensivo nerazzurro.

Darmian 6 partita onesta da operaio della pelota. Sempre concentrato, pugnace un rendimento costante e sicuro.

Barella 7 prende botte, ispira la manovra è in ogni parte del campo. Non castiga i bianconeri come lo scorso campionato. Esce per un pestone. Uno dei tanti.

Brozovic 6.5 costretto a sfuggire alla marcatura degli avversari gestisce bene la palla e cerca di dare logica alla manovra. Praticamente tutto passa da lui e gli avversari lo sanno.

Calhanoglu 6.5 da un suo siluro che si stampa sul palo nasce la rete interista. Meglio che nelle ultime uscite. Forse sostituito troppo presto.

Perisic 7 cancella Cuadrado e Chiesa. Attacca e difende. Sostituirlo è stato un regalo ai bianconeri.

Martinez 5 non tocca palloni, corre a vuoto, mai pericoloso. Assente ingiustificato.

Dzeko 6.5 con la rete di ieri ha segnato come tutto lo scorso campionato. In un paio di occasioni, facendo i pignoli, poteva giocarsela meglio.

Gagliardini dal 61’ 6 partita onesta di fisico e niente di più.

Sanchez dal 72’ 6 vista la prestazione di Lautaro andava impiegato prima.

Dumfries dal 72’ 4 intervento sconsiderato che costa due punti ai nerazzurri.

Vecino dal 90’ s.v.

Inzaghi 5

La gestione dei cambi un mezzo disastro pagato carissimo. Una partita mai chiusa, timida nel secondo tempo, e pareggiata per un errore grossolano.

Inter-Juventus, il Pagellone

Juventus

Szczesny 6 a parte il goal subito fa solo una parata.

Danilo 5.5 messo in difficoltà da Perisic mette raramente il naso fuori dall’uscio.

Bonucci 5.5 si perde Dzeko sulla rete interista. Nel costruire mai pervenuto e le solite espressioni da simpaticone. Come si fa a non volergli bene?

Chiellini 6 efficace. Lotta su ogni palla. Prende un giallo nel finale per un intervento da calcio fiorentino.

Alex Sandro 6 si procura il rigore grazie all’ingenuità di Dumfries.

Cuadrado 5 gioca talmente male che non ci delizia neppure con i suoi penosi teatrini che l’hanno reso famoso in almeno due continenti.

McKennie 5 ci voleva Paratici per prendere un texano che gioca a calcio e la solita stampa libera per farlo diventare il nuovo Vidal 2.0. Non farebbe manco la comparsa in una puntata pilota di Walker Texas Rangers.

Locatelli 5 dovrebbe essere il cervello della squadra. Manovra che sembra ispirata dal Generale Pappalardo.

Bernardeschi s.v. solo un quarto d’ora. Si stava conquistando l’ennesima insufficienza.

Kulusevski 5.5 praticamente gioca in marcatura su Brozovic. Dovrebbe essere il contrario. Boh!?!?

Morata 5 un tiro nel primo tempo e nulla di più.

Bentancur dal 18’ 6 partita onesta ma se aspetti la qualità da lui stai fresco.

Dybala dal 65’ 6.5 segna il rigore del pareggio basta ed avanza.

Chiesa dal 65’ 6 solita partita di sacrificio. Non si tira mai indietro.

Kaio Jorge dall’83’ s.v. il nuovo Neymar. Viene da ridere solo a scriverlo.

Arthur dall’83’ s.v.

Allegri 5.5

Porta a casa un punto prezioso. La sua squadra gioca in modo orrendo e solo la timidezza dei nerazzurri, l’errore di Dumfries e la chiamata di Guida lo salvano dalla sconfitta. Nessuno in Europa gioca peggio della Juventus. Manco la Salernitana del fu Castori.

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

 


Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli