Quotidiano on-line ®

26.7 C
Rome
giovedì, Luglio 7, 2022

Pari, tensioni e spettacolo: Atalanta-Lazio 2-2, il Pagellone

Spettacolo nell’anticipo che apre l’undicesima giornata di Serie A. I biancocelesti vanno due volte in vantaggio. La prima con Pedro, che ribadisce a rete una respinta di Musso. Gli orobici la riprendono con Zapata ma arriva il nuovo vantaggio degli ospiti firmato Immobile, che diventa il miglior marcatore della storia biancoceleste, e nuovo pareggio al 93′, con una bella girata di de Roon. Atalanta-Lazio 2-2, il Pagellone del colonnello Lobanovky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

Atalanta-Lazio 2-2, il Pagellone

Atalanta vs Lazio 2-2 Pedro 18’, Zapata 45’+1’, Immobile 74’, De Roon 90’+4’

 

Musso 6.5 sulla prima rete laziale respinge come può ed è sfortunato che il pallone arriva a Pedro. Si fa trovare pronto nelle altre occasioni.

Lovato 6.5 oltre ad una prova maiuscola in difesa manda in goal Zapata a fine primo tempo.

Demiral 5 parte bene con una scivolata su Immobile e la sua partita finisce qui. Dopo sono amnesie ed interventi fuori tempo.

De Roon 7 ovunque lo metti ti regala la prestazione. Dalle sue parti non si passa ed aveva un cliente scomodo come Anderson. Nel finale con tiro a giro nell’angolino manda j estasi il pubblico bergamasco e riacciuffa la partita.

Zappacosta 5 in debito di ossigeno non è preciso come al solito. Urge sosta ai box.

Koopmeiners 5.5 sbaglia tanto e non riesce a dare ordine a centrocampo. L’impegno non manca ma non basta.

Freuler 6.5 si piazza in mediana e distribuisce palloni. Sempre nel vivo dell’azione.

Maehle 5 sbaglia tantissimo. Quando tira è inguardabile. Schiena all’indietro e pallone alle stelle.

Ilicic 5.5 anche lui parte bene ma dura poco. Quando non è in giornata fa più danni che altro.

Pasalic 5 vaga per il campo come se fosse reduce dall’Oktoberfest. Non indovina un pallone.

Zapata 6.5 sbaglia molto ma a fine primo tempo spacca la partita e segna un goal di forza. Inarrestabile.

Malinovskyi dal 59’ 6.5 suo il traversone da cui nasce il pareggio finale.

Muriel dal 67’ 5 fa sempre quel tocco in più che rovina delle potenziali occasioni.

Scalvini dal 67’ 6.5 non si tradire dall’emozione e gestisce una partita non facile.

Piccoli dall’83’ s.v.

Gasperini 6

Alcuni giocatori sono fuori forma e la manovra ne risente. La sua squadra ha il merito di crederci fino alla fine ed il punto in fondo è meritato.

Covid, Messi e Rovella la bolla del calcio sta per esplodere

Lazio

Reina 6 sulle reti dei nerazzurri è incolpevole. Dirige bene la difesa.

Marusic 5.5 perde il duello con Zapata che lo sposta e segna la rete del primo pareggio.

Luiz Felipe 6.5 si destreggia bene sulla linea difensiva.

Acerbi 7 chiude bene su Zapata e da sicurezza al reparto.

Hysaj 7 gestisce bene sia Ilicic che Pasalic che non sono mai pericolosi.

Milinkovic Savic 7 giganteggia in mezzo e serve la palla del goal ad Immobile.

Cataldi 7.5 gioca da play a centrocampo. Illumina la manovra. Da il via al primo goal laziale e mette Immobile davanti a Musso. Prestazione maiuscola.

Luis Alberto 6.5 prestazione in crescita e si destreggia bene tra il pressing atalantino.

Anderson 5 in ombra per tutta la partita. Prestazione ectoplasmatica.

Immobile 7 impegna Musso e Pedro segna il primo goal. Grazia il portiere orobico ad inizio ripresa ma si rifà ad un quarto d’ora dalla fine segnando un bel goal.

Pedro 7.5 prestazione superlativa e non solo per la rete. Un pericolo costante per la difesa avversaria.

Basic 68’ 6 aiuta la squadra a contenere gli attacchi degli avversari.

Moro dal 77’ s.v.

Lucas Leiva dal 77’ s.v.

Muriqi dall’85’ s.v.

Sarri 6.5

La squadra sta trovando la sua identità. Cataldi è determinante per la manovra. Pedro da qualità e segna. Immobile è sempre sul pezzo e segna pure lui. C’è l’amaro in bocca per i due goal presi nel finale di tempo ma resta la prestazione in un campo difficile contro una squadra forte.

 

Leggi anche

Enrico Zerbo
Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli