20.4 C
Rome
lunedì 23 Maggio 2022
In EvidenzaQuirinale, avanza Draghi il presidentissimo in pectore

Quirinale, avanza Draghi il presidentissimo in pectore

Caduto il bluff Berlusconi, per il Quirinale resta la candidatura implicita di Draghi, ma il presidentissimo resta ostile a qualsiasi dialettica politica: è l’espressione della pura forza del capitale dentro le istituzioni.

Draghi il presidentissimo in pectore

Berlusconi non è mai stato della partita. Non ha mai avuto i numeri per salire al colle. La sua candidatura è stata tenuta in piedi solo per prendere tempo, per animare un dibattito fasullo e far vendere a Repubblica qualche copia ai suoi lettori in astinenza di indignazione da divano.

L’unica candidatura in campo per il momento è solo quella di Draghi. L’uomo, che gode di appoggi potentissimi, ha del resto manifestato in più occasioni – e anche con una certa impudenza – la volontà di abbandonare Palazzo Chigi per il Quirinale. Del resto si sa, quando la nave affonda il primo a lasciare la barca è il peggiore di tutti. E chi ha dei dubbi chieda ai greci.

Nei prossimi mesi il governo dovrà affrontare il malcontento generale causato dalla nuova ondata di licenziamenti e di sofferenza prodotti dal caro energia, che sta mettendo in ginocchio imprese e cittadini meno abbienti.

A questo poi si aggiungono le difficoltà della gestione della pandemia. Con le regole attuali non se ne viene a capo: la campagna vaccinale è giusta ma non è sufficiente. Occorrono anche misure strutturali che però il governo non vuole approvare.

Meglio allora lasciare il timone ad altri. Su questo Draghi è stato esplicito in occasione dell’ultima conferenza stampa del ’21. Ieri ha addirittura partecipato degli incontri sul futuro del governo, insieme ad alcune personalità del padronato: Bonomi, Elkan e naturalmente Franco, candidato a Palazzo Chigi.

Il messaggio di Draghi è chiaro: “sono io il Presidente della Repubblica in pectore e ho intenzione di mantenere le redini del governo dal Quirinale, senza più sporcarmi le mani”.

Si è trattato di un grave sgarbo istituzionale contro il parlamento, contro Mattarella e narturalmente contro gli italiani. Non esistono però in Italia forze capaci di contrastare questi atti di forza espressi dal peggiore autocrate che l’Italia abbia mai avuto da quando è una Repubblica.

Corsa al Quirinale, da Draghi a Berlusconi le toto-presidenziali

A questo proposito credo che si debba abbandonare la domanda posta da più parti circa l’identità politica di Draghi. È di centrodestra o è di centrosinistra? Le politiche di Draghi sono naturalmente di destra, ma nell’attuale contesto politico la sua posizione trascende ogni posizionalismo.

Il nostro futuro presidentissimo è infatti ostile a qualsiasi dialettica politica: è l’uomo del non-confronto, del non-dialogo, della disintermediazone, del vincolo esterno, del presidenzialismo di fatto, è l’espressione della pura forza del capitale dentro le istituzioni.

Le forze sociali dovrebbero battersi contro la sua candidatura alla presidenza della Repubblica e invece ostentano le propria debolezza o in qualche caso persino la propria colossale subalternità con dichiarazioni di ammirazione e di sostegno.

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli