Quotidiano on-line ®

27.3 C
Rome
domenica, Agosto 14, 2022

Diario italiano: l’inflazione da “crisi di offerta”

Guardare a quello che accade in Cina forse può aiutarci a capire il momento che viviamo, con questa crisi di offerta che crea l’inflazione secondo i soliti editorialisti economici della grande stampa, incapaci di fare mea culpa.

L’inflazione da “crisi di offerta”

Romano Prodi, qualche settimana fa, ha parlato del processo inflazionistico in corso, individuando la causa in “crisi di offerta“. Lui stesso ha ammesso che non è crisi da domanda.
Lo si può vedere chiaramente in Csc Confindustria il grafico consumi, ancora molto al di sotto del 2019 (circa il 7.5%), ma crisi energetica e crisi da reperimento di componenti per la produzione.
Lo stesso Sole 24 Ore, negli stessi giorni, ha dato conto di uno studio Csc su questo, che frena la produzione industriale nel quarto trimestre. Ebbene, leggendo il China Daily nella stessa settimana, parliamo dell’inizio del mese scorso, c’era questa notizia:
“Secondo il Ministero dell’Industria e dell’Information Techno logy, l’industria della carta in Cina ha registrato una crescita delle entrate e dei profitti nei primi 10 mesi di quest’anno.
Le entrate del settore sono state pari a 1,22 trilioni di yuan (circa 191 miliardi di dollari) nel periodo gennaio-ottobre, con un aumento del 16,8% anno su anno, ha affermato il ministero.
Durante il periodo, i profitti dell’industria cartaria hanno raggiunto i 70,72 miliardi di yuan, un aumento del 22,4% rispetto all’anno precedente.
Secondo i dati del ministero, la produzione di carta è aumentata dell’8,4% su base annua a 111,64 milioni di tonnellate nei primi 10 mesi.
Nel solo ottobre, la produzione di carta si è attestata a 11,01 milioni di tonnellate, in calo del 6,7% anno su anno”.
La Cina punta a crescita boom nel 2021: +6%
Quante industrie cartarie sono state chiuse in Italia negli anni novanta grazie al processo di privatizzazioni di Ciampi, Prodi, Draghi, ecc? A Crotone ce n’era una, che dava lavoro a operai ben pagati.
Anche oggi Rampini parla di regime autoritario cinese, mai a prendersela con la follia degli ultimi 30 anni della classe dominante a caccia di costi del lavoro più bassi e di trasferimento di tecnologia, che in Cina non ci sono più.
Mai farsi un interrogativo su questi decenni, con chiunque parli di varie parti d’Italia mi dice di processi di distruzione di capitale industriale, facendo un deserto con lavori precari (se ti va bene contratti da 4 ore ma lavori 10).
Ancora una volta ribadisco quanto dico da mesi: il 6.3 – 7% della probabile crescita italiana non è dovuta a Draghi, ma alle politiche espansive mondiali e alla diminuzione dell’enorme tasso di risparmio della famiglie italiane dopo la Pandemia.
Lui si è trovato tutto pronto, non ha capacità di analisi, il Pnnr è solo debito a carico degli italiani, che lo pagheremo caro e amaro, e tra l’altro non ancora operativo.
Ora ci si ritrova con questa inflazione da “crisi di offerta”.
Gli industriali non trovano carta, acciaio, allumunio, zinco, tutte cose che produceva l’Iri.
La generazione del ’77 deprecava a tutti i livelli i democristiani, ma a distanza di 4 decenni, dicono che erano almeno preparati, rispetto agli asini attuali che scrivono ipocriti editoriali.
Dall’Antropocene al Capitalocene: alle radici della crisi climatico-ambientale
Pasquale Cicalese
Pasquale Cicalese
Economista. Laureato in Scienze Politiche. È impiegato alla Regione Calabria. Autore di "Piano contro mercato. Per un salario sociale di classe" (L.A.D., 2020)

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli