Quotidiano on-line ®

27.3 C
Rome
domenica, Agosto 14, 2022

Voghera, l’ex assessore Adriatici torna in libertà. Sconcerto dei familiari della vittima

L’ex assessore leghista Adriatici , che ha ucciso con un colpo di pistola un immigrato,Youns El Boussettaoui, torna libero senza aver fatto un giorno di galera.

Voghera, Adriatici torna in libertà

L’ex assessore alla Sicurezza del Comune di Voghera, Massimo Adriatici, che si trovava ai domiciliari dal 20 luglio ed è accusato di eccesso colposo di legittima difesa, è libero dalla notte scorsa.

La misura era scattata dopo che Adriatici, durante una lite tra i due, avvenuta davanti a un bar in piazza Meardi nel comune in provincia di Pavia, aveva ucciso con un colpo di pistola il 38enne Youns El Boussettaoui.

La misura ora è scaduta e dunque Adriatici, difeso dagli avvocati Gabriele Pipicelli e Colette Gazzaniga, è tornato in libertà.

Nei giorni scorsi, il giudice per le indagini preliminari aveva rigettato una richiesta di revoca della custodia cautelare della Procura di Pavia.

Nel suo parere favorevole, il pm Roberto Valli citava la “accertata esclusione della volontaria detenzione e porto di munizioni per armamento da guerra” (come sostenuto invece dai legali della vittima, ndr). Per questo motivo, il pm escludeva che potessero “ritenersi sussistenti esigenze cautelari connesse al pericolo di commissione di reati con l’uso di armi o con violenza alla persona”.

Voghera shock, Massimo Adriatici assessore leghista spara e ammazza 39enne marocchino

Lo sconcerto dei familiari della vittima

Nelle settimane successive all’omicidio sono emersi altri dttagli inquietanti sulla vicenda chee hanno gettato un cono d’ombra sulla figura dell’ex assessore leghista.

Noi non possiamo appellarci – ha dichiarato l’avvocato Debora Piazza, che rappresenta la famiglia del 39enne -. Il Pm non ha fatto richiesta di rinvio a giudizio né di giudizio immediato né ha modificato il capo di imputazione da omicidio colposo a omicidio volontario.Tra l’altro il pm non ha neanche chiesto l’applicazione della misura cautelare per i proiettili utilizzati che ricordo essere assolutamente vietati“.

Il riferimento dell’avvocato è ai proiettili dum dum o hallow point  che sarebbero stati utilizzati da Adriatici e che sono vietati persino in guerra.

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli