Quotidiano on-line ®

23 C
Rome
mercoledì, Agosto 17, 2022

Torre Annunziata, muore operaio di 23 anni caduto dal muletto

Incidente sul lavoro, a Torre Annunziata muore un ragazzo di 23 anni. L’operaio, Mario Papa, era caduto da un muletto.

Torre Annunziata, muore operaio di 23 anni

Una scia di sangue senza fine che si fa fatica anche a tenerne il conto: ieri sera è morto Mario Papa, un operaio di 23 anni rimasto vittima di un incidente sul lavoro. Era ricoverato all’ospedale del Mare di Napoli. Prestava servizio in un’azienda di Torre Annunziata (Napoli) che produce materiale sportivo. Ha riportato gravi ferite dopo essere caduto da un muletto.

Il giorno dei funerali verrà proclamato il lutto cittadino, come annunciato dal Comune di Torre Annunziata. “È una tragedia immane – ha commentato il sindaco Vincenzo Ascione -. La notizia della sua morte ci ha sconvolti e lasciati sgomenti. Il primo pensiero è rivolto ai familiari, ai quali esprimiamo il nostro cordoglio abbracciandoli idealmente in questi momenti tanto drammatici quanto dolorosi, consapevoli del fatto che nessun gesto o parola potrà in alcun modo lenire la loro sofferenza”.

Morti sul lavoro: non serve patente a punti ma colpire la criminalità imprenditoriale

Si muore sul lavoro come si moriva inquant’anni fa

Al 30 settembre 2021 in Italia vi sono stati 811 morti sul lavoro, con una media inaccettabile di 3,4 vittime al giorno.

Come abbiamo ribadito più volte, si muore per le stesse ragioni e allo stesso modo di cinquant’anni fa: per lo schiacciamento in un macchinario, per la caduta da un tetto, il trascinamento da un rullo. Non sembra cambiato niente, nonostante lo sviluppo tecnologico dei macchinari e dei sistemi di sicurezza.

A volte l’imprudenza di qualche giovane lavoratore, altre l’eccesso di sicurezza dei più esperti ma la sicurezza preventiva dovrebbe tarare queste possibilità che statisticamente sono prevedibilissime. Eppure il più delle volte la sicurezza continua ad essere considerata solo un costo.

Il mondo dell’edilizia è il più colpito da questo fenomeno, insieme a quello dell’agricoltura. Le principali cause di morte sono le cadute dall’alto, lo schiacciamento o il crollo di muri, il ribaltamento di mezzi e la fulminazione.

Il problema principale è il lavoro nero, molto presente in Italia, in prevalenza nelle piccole e medie imprese che, per risparmiare e tagliare sui costi, non garantiscono neanche le minime condizioni di sicurezza fisica alle persone.

E dunque, continuiamo ad abbaiare alla luna mentre titolano di morti bianche

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

 

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli