12.6 C
Rome
martedì 17 Maggio 2022
NewsRiforma dello spettacolo, governo mette in stand by l’introduzione di indennità

Riforma dello spettacolo, governo mette in stand by l’introduzione di indennità

Subisce uno stop l’iter istituzionale della contestata legge di riforma dello spettacolo.

Riforma dello spettacolo in stand by

Battuta d’arresto sulla legge di riforma dello spettacolo: nel pomeriggio di mercoledì 16 febbraio sono stati messi in stand by gli emendamenti presentati al disegno di legge delega

A ricevere lo stop è stato proprio il provvedimento principale, quello legato al riconoscimento della discontinuità delle professioni legate allo spettacolo e, di conseguenza, l’introduzione di indennità che coprano tale specifica.

Si tratta del primo passo per poter introdurre nel nostro ordinamento una misura universale di welfare che copra ogni lavoratore o lavoratrice dello spettacolo, venendo incontro a una richiesta che da anni è sul tavolo da parte delle migliaia di lavoratori del settore, e così superare la debolissima idea del SET, una sorta di disoccupazione.

Per il Ministro Franceschini la sua formulazione è stata di per se una giornata storica, non possono dire lo stessp tutte quelle realtà che si battono da tempo e che ritengono questa  riforma debole, proprio per l’assenza dell’introduzione di un vero reddito di discontinuità.

Dopo la prima bocciatura è stato riformulato il parere sulla modifica portata da Roberto Rampi (PD) e Nunzia Catalfo (M5S). Si è chiesto direttamente ai ministri della Cultura, del Lavoro e dell’Economia di trovare le coperture per poter decretare un nuovo strumento di welfare.

 

Per approfondire ascolta il podcast di Radio Onda d’urto con Nunzia Catalfo.

 

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

 

 


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli