Quotidiano on-line ®

23.5 C
Rome
giovedì, Luglio 7, 2022

77 anni fa la strage nazi-fascista a Sant’Anna di Stazzema

Il 12 agosto del 1944 a Sant’Anna di Stazzema vennero uccisi da soldati nazisti 560 civili. Oggi diverse cerimonie di commemorazione per non dimenticare.

La strage nazi-fascista Sant’Anna di Stazzema

Se ci fosse un ulteriore marchio stampato nella storia dell’infamia nazi-fascista, dell’orrore come pratica che ancora oggi qualcuno rivendica tra mille distinguo, quello sarebbe a Sant’Anna di Stazzema.

Sono passati 77 anni dall’eccidio nel piccolo paesino in provincia di Lucca, di 560 civili, tra cui 130 bambini, da parte delle SS.

“Tanto orrore non potrà mai essere dimenticato.” Ha dichiarato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.  “La Repubblica oggi si inchina davanti al sacrario di Stazzema. Un sentimento profondo unisce gli italiani ai familiari delle vittime dell’eccidio e ai valorosi superstiti che per tutta la vita hanno portato il fardello di un dolore così grande, continuando a spendersi per far conoscere, per ricordare, per trasmettere, con la forza della loro testimonianza, il messaggio più semplice e potente: mai più.”

77 anni fa la strage nazi-fascista Sant'Anna Stazzema

Il sindaco Maurizio Verona: “C’è un enorme bisogno di fermare questa onda nera, che è un’onda di odio”

In un intervista all’Adnkronos il sindaco di Stazzema Maurizio Verona, che si è fatto promotore, in piena pandemia, di una proposta di legge di iniziativa popolare contro la propaganda fascista e nazista che in pochi mesi ha raccolte 240mila firme, ben più delle 50 mila richieste, ha dichiarato: “L’ideologia che ha portato a quella strage non è stata ancora debellata”. 

Sant’Anna di Stazzema ha un record: la strage è avvenuta il 12 agosto 1944, il terzo grado di giudizio del processo è arrivato nel 2007, perché i fascicoli furono persi o, io dico, insabbiati. Ecco, mi auguro che la proposta di legge contro una ideologia criminale non faccia la stessa fine dei fascicoli dell’eccidio“, aggiunge il primo cittadino. “Trovo doveroso da parte di un Parlamento democratico quantomeno portare la Pdl in discussione, ma mi auguro che la legge venga approvata”.

Continua Verona “c’è un enorme bisogno di fermare questa onda nera, che è un’onda di odio. Si continua a spargere odio, e gli episodi quotidiani devono far riflettere, soprattutto per un rappresentante di un territorio che da quell’ideologia è stato così duramente colpito“.

La molla che ha fatto partire la raccolta firme è stata il rapporto dell’Eurispes: “i dati sono allarmanti: è cresciuto il numero di cittadini che dicono di non sapere cosa è stata la Shoah, c’è una carenza di cultura, c’è un revisionismo storico che ha fatto riemergere i fantasmi del passato. Le leggi ci sono, la legge Scelba e la legge Mancino, ma si continuano a vedere processioni di fascisti e consiglieri comunali che fanno il saluto romano”.

“La proposta di legge è utile anche solo per riportare questo tema nel dibattito quotidiano -conclude Verona- e questa è la strada giusta, mentre sottovalutare il fenomeno e rimanere indifferenti è la strada sbagliata”.

77 anni fa la strage nazi-fascista Sant'Anna Stazzema

Leggi anche

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli