24 C
Rome
lunedì 7 Giugno 2021
AgoràQuando Craxi considerava legittima la lotta armata palestinese

Quando Craxi considerava legittima la lotta armata palestinese

Da quando Craxi parlava alla Camera dei deputati della legittimità della lotta armata palestinese, alla manifestazione unitaria – da Letta a Salvini – a sostegno di Israele, con l’inno Hatikvah suonato alla fine. Il segno dei tempi.

Quando Craxi…e altre mirabilie

Nel bel mezzo della nuova violentissima azione militare israeliana verso Gaza e i territori occupati, la manifestazione svoltasi mercoledì nei pressi del Portico di Ottavia a Roma, in cui unitariamente il segretario del PD Enrico Letta  insieme a Matteo Salvini (Lega), Antonio Tajani (Forza Italia), Carlo Calenda (Azione) e i rappresentanti di Italia Viva hanno manifestato solidarietà verso Israele, ci da immediatamente una cartolina visibile della politica italiana. Nemmeno per il 25 Aprile c’è tanta unità e concordia.

Quando Craxi considerava legittima la lotta armata palestinese

Se fino a poco tempo fa le forze rivali tentavano almeno di fingere una differenza tra loro sulle questioni principali, oggi c’è un salto di qualità e si identificano apertamente con la  stessa linea politica su tutte le questioni principali.

Su cosa sentano il bisogno di solidarizzare è inutile chiederselo. Vogliono solo dirci che la storia non esiste, se non come memoria dei vincitori, dei più forti, e che occorre star sotto quell’ombrello per star quieti, anche correndo il rischio di star con gli oppressori. Si chiama real politik e per farla digerire basta mandare i soliti mantra attraverso i telegiornali.

Eppure non è stato sempre così. C’è stato un tempo in cui, seppur con tante ombre, si provava a distinguere gli oppressi dagli oppressori.

Quando Craxi considerava legittima la lotta armata palestinese

Craxi: “Considero legittima la lotta armata dei palestinesi”

Correva l’anno 1985, era il 6 giugno, quando il presidente del Consiglio in carica, il socialista Bettino Craxi, dopo la famigerata ‘crisi di Sigonella’, parlò alla Camera dei Deputati dei rapporti dell’Italia con i paesi arabi e della questione palestinese.

Le parole di Craxi oggi suonerebbero come quelle di un alieno:

“Ebbene se la questione nazionale palestinese esiste, anche l’azione dell’Olp deve essere valutata con un certo metro, che è il metro della storia. Vedete, io contesto all’Olp l’uso della lotta armata non perché ritenga che non ne abbia diritto, ma perché sono convinto che lotta armata e terrorismo non risolveranno il problema della questione palestinese. L’esame del contesto mostra che lotta armata e terrorismo faranno solo vittime innocenti, ma non risolveranno il problema palestinese. Non contesto però la legittimità del ricorso alla lotta armata che è cosa diversa”. 

Craxi alla Camera: “Considero legittima la lotta armata dei palestinesi”

 

In un passaggio Craxi fa un parallelo con “il padre della patria”, Giuseppe Mazzini, ricordando come la lotta armata sia stata utilizzata anche dai patrioti italiani che volevano liberare il paese dall’occupazione straniera:

“Quando Giuseppe Mazzini, nella sua solitudine, nel suo esilio, si macerava nell’ideale dell’unità ed era nella disperazione per come affrontare il potere, lui, un uomo così nobile, così religioso, così idealista, concepiva e disegnava e progettava gli assassinii politici. Questa è la verità della storia; e contestare a un movimento che voglia liberare il proprio Paese da un’occupazione straniera la legittimità del ricorso alle armi significa andare contro le leggi della storia. Si contesta quello che non è contestato dalla Carta dei principi dell’Onu: che un movimento nazionale che difenda una causa nazionale possa ricorrere alla lotta armata”. 

Il solo parlare di “occupazione straniera” riferendosi ai territori occupati, oggi costerebbe la carriera politica ai nostri appresentanti e una crisi diplomatica con Israele. Il resto è in quella foto del raduno unito al Portico di Ottavia a Roma…


Ti potrebbe anche interessare

1 COMMENT

Comments are closed.

Ultimi articoli