Quotidiano on-line ®

22.6 C
Rome
venerdì, Luglio 1, 2022

God Only Knows, la canzone necessaria di Brian Wilson

Esistono canzoni spalancate sull’infinito, altre immerse nel quotidiano, alcune intrise di poesia e altre ancora cucite coi nostri nervi: God Only Knows è la canzone necessaria di Brian Wilson.

God Only Knows di Brian Wilson

Ci sono canzoni che meritano di essere ascoltate con orecchio diverso anche se le abbiamo ascoltate mille volte, un milione di volte, anche se le conosciamo a memoria. Una di queste è God only knows dei Beach Boys, un brano scritto da Brian WIlson e Tony Asher per uno dei dischi più belli e importanti della storia del rock: Pet sounds.

Con questo disco Brian Wilson decise di lasciarsi alle spalle i successi, le hit dell’eterna estate californiana, per guardare oltre: le ombre lunghe gettate dal sole, le giornate di pioggia e le mareggiate, l’inquietudine per qualcosa che forse stava perdendo.

La spensieratezza che aveva accompagnato le produzioni precedenti sembra durare solo un istante perché, al posto dell’illusoria estate infinita, arriva invece la malinconica consapevolezza della fine incombente. E la fine dell’estate si fa metafora della fine della gioventù.

L’album contiene una canzone in particolare, per alcuni la più bella canzone d’amore mai scritta,  God Only Knows.

Una canzone che ha attraversato le decadi del tempo, reinterpretata da tantissimi artisti (David Bowie su tutti), per tornare tra le mani del suo autore e farsi necessità.

The Beach Boys – God only know

 

 

Ha scritto Luca Buonaguidi:

“Alle porte del paradiso. L’ultimo disco di Brian Wilson, a tu per tu con le canzoni di una vita e parliamo di alcune delle canzoni più belle del mondo. Piano solo senza voce di un uomo che ha fatto della voce ciò che Bach ha fatto a Brandeburgo, che intimità abissale che si sente dentro queste note lasciate a se stesse, senza tutti gli altri suoni, senza le polifonie vocali, quindi senza i Beach Boys eppure al centro del loro silenzio. Sembrano suonate direttamente da Dio, un Dio insonne e in vestaglia, al pianoforte nel cuore della notte in California.”

God Only Knows – Brian Wilson (at my piano)

 

God Only Know, testo e traduzione

I may not always love you
But long as there are stars above you
You never need to doubt it
I’ll make you so sure about it
God only knows what I’d be without you

If you should ever leave me
Though life would still go on, believe me
The world could show nothing to me
So what good would living do me
God only knows what I’d be without you
God only knows what I’d be without you

If you should ever leave me
Though life would still go on, believe me
The world could show nothing to me
So what good would living do me

God only knows what I’d be without you

God Only Knows, la canzone necessaria di Brian Wilson

Se un giorno deciderai di lasciarmi
La mia vita, credimi, continuerà comunque
Il mondo non avrebbe nulla da mostrarmi
Perciò che senso avrebbe vivere?
Dio solo sa cosa sarei senza te

Potrei forse non amarti per sempre
Ma finché ci saranno stelle
nel cielo sopra te
Non avrai mai bisogno di dubitarne
Ti renderò sicura di questo
Dio solo sa cosa sarei senza te

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

Leggi anche

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli