Quotidiano on-line ®

20.9 C
Rome
mercoledì, Agosto 17, 2022

Pogback! Quale Pogba ritroverà la Juventus?

Paul Pogba annuncia il suo ritorno alla Juventus con un video mentre è in volo verso Torino. Insieme all’argentino Di Maria è il grande colpo dell’estate bianconera.

Pogba riveste il bianconero

Chi va e chi viene, chi scappa ma poi fa ritorno, chi tradisce e dopo si redime. C’è un po’ tutto il dramma all’italiana nelle vicende di mercato di questa infuocata Estate del 2022.

Coincidenze: se Lukaku si è cosparso la pelata di cenere già a dicembre scorso e come un novello Lassie è stato atteso dal suo ex padrone che nel frattempo ha fatto la colletta per mettere insieme du’ spicci per pagarne il riscatto, sulla sponda di Torino, da ormai un paio di stagioni si intonava il “tuorna ‘sta casa aspetta a te” sotto il balcone di Paul Pogba.

Certo, in questo caso i “du’ spicci” non sarebbero certo bastati: a quelli se ne sono dovuti aggiungere altri 8 per l’ingaggio e ulteriori 2 per bonus, ricchi premi e cotillon. Ma sono solo dettagli: quello che conta davvero è che l’amore abbia trionfato.

Fidatevi, è questione d’amore: Pogba mai ha dimenticato l’idillio con Marchisio, Pirlo, Kedhira e Vidal quando era un tutto un gran vivere, con avversari spazzati via che manco i birilli del bowling.

Certo, gli è capitato pure di dover masticare amaro talora dovendo dividere le zolle con Hernanes e Lemina, ma nessun posto di lavoro è solo rose e viole. Purtroppo, al Manchester ci è dovuto andare per forza, gli inglesi misero sul piatto una somma vicino ai cento milioni di euro, e 13 milioni a stagione.

La fatidica proposta indecente fece vacillare e quindi crollare quel sentimento che tanto sembrava incorruttibile. Ah, il potere del vile conio: impossibile rifiutare. Alla Juve in compenso arrivò Pjanic che sostituì più che degnamente il francese.

Quel filo interrotto adesso si è ricomposto e saldato: Pogba arriva alla Juve nei suoi anni migliori, quelli della maturità fisica (ma su quello non c’erano dubbi) ma anche della maturità caratteriale, aspetto, quello, che negli ultimi anni aveva a volte mostrato il fianco.

Se tecnicamente il francese non si discute, è sul piano tattico che molto avrà da dimostrare: da sempre abituato (sia nella Juve che nel Man) ad agire tra la mezz’ala sinistra e la regia bassa con a fianco almeno due “cervelli”, nella Juventus 2022/23 a meno di roboanti acquisizioni dovrà fare coppia centrale con Locatelli (oppure in terzetto con uno tra McKennie, e Zakaria) e sarà a lui che si chiederà di essere uno dei due “cervelli”: quanto quel ruolo gli risulterà congeniale è tutto da vedere.

Pogba ha come punti di forza la gamba, la corsa, la presenza fisica, il tiro dalla distanza e l’occupazione degli spazi soprattutto quando a costruire è l’avversario. Di certo non ha nelle sue corde il ritmo compassato al servizio della geometria.

Occhio e croce si può prevedere, ma non giurare, che in quella parte del campo la Juve non potrà contare su troppa inventiva col risultato di risultare prevedibile nella maggior parte delle sue proposizioni.

Tuttavia, quelle che possono essere deficienze date dall’assenza di fosforo, di contro diventano potenzialità su cui contare: il grosso peso specifico di un pacchetto assortito da marcantoni tutti vicini al metro e novanta, può sviluppare una forza battente capace di spazzare via le difese più statiche.

Zakaria

Inoltre, la capacità di Pogba di inserirsi centralmente negli spazi creati dai movimenti di Vlahovic e Chiesa che normalmente attirano su di loro le attenzioni dei centrali difensivi, potrebbe essere uno schema vincente e sempre disponibile contro ogni tipo di avversario.

Come si vede, quanto l’innesto di Pogba inciderà sul gioco della Juve, è operazione difficile da esaurire: le variabili sono tante e troppe: gli esiti del calciomercato lontano dall’essere conclusi, il tasso tecnico da disporre in campo, gli eventuali contraccolpi dati dall’addio di un altro fuoriclasse come Dybala, gli effetti della rivoluzione tattica dettata dall’innesto di un giocatore ingombrante come Pogba.

Saranno questi i fattori che modelleranno il valore della nuova Juventus. A braccio, i tifosi juventini la stagione prossima avranno di che divertirsi.

Sostieni Kulturjam

Kulturjam.it è un quotidiano indipendente senza finanziamenti, completamente gratuito.

I nostri articoli sono gratuiti e lo saranno sempre. Nessun abbonamento.
Se vuoi sostenerci e aiutarci a crescere, nessuna donazione, ma puoi acquistare i nostri gadget

Sostieni Kulturjam, sostieni l’informazione libera e indipendente.

VAI AL LINK – Kulturjam Shop

kj gadget

Leggi anche

Filippo De Fazio
Filippo De Fazio
Meridionale ma anche settentrionale. Sono lettore incallito e compulsivo, grafomane della vecchia scuola, ex calciatore dagli esiti disastrosi.

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli