Quotidiano on-line ®

21.4 C
Rome
giovedì, Agosto 11, 2022

Niente contributo di solidarietà: cari poveri, soffrire vi fa bene

Dal reddito di cittadinanza, padre di tutti i mali moderni, al rifiuto del contributo di solidarietà, in Italia è il trionfo della retorica della sofferenza. Per i poveri, s’intende.

Niente contributo di solidarietà. E nemmeno altro

Sua eccellenza il presidentissimo Draghi ha proposto un contributo di solidarietà contro il caro bollette: nulla di lontanamente avvicinabile all’opera di un Robespierre, e non significava una nuova tassa o un aumento di imposte, ma l’attuazione del taglio fiscale rimandata di un anno per i redditi sopra i 75mila euro, per destinare queste risorse al taglio delle bollette. Apriti cielo! Sono insorte la destra e Italia Viva ed è saltato tutto. Perchè la virtù degli sfruttatori è protesa verso un bene superiore: il loro.

D’altronde la retorica del martirio e della sofferenza è stata sempre una carta vincente nelle mani delle clasi dominanti.

Matteo Renzi e la sofferenza come stimolo sociale

“Sanguen est semen Christianorum“, ricordava Tertulliano: molti vescovi esortavano i seguaci del Messia a non temere le condanne, le torture, le belve. La morte tra le sevizie avrebbe spalancato loro le porte del Cielo.

Nel II e III secolo d.C. alcuni vescovi non esitavano a magnificare il martirio purché fossero i poveri e gli umili ad essere dilaniati dalle fiere, non i cristiani delle classi dirigenti che, durante le persecuzioni, trovavano il magistrato compiacente subito pronto a rilasciare un certificato falso (il libellum) in cui si dichiarava che avevano sacrificato all’imperatore.

Tutti i cristiani erano uguali, ma alcuni erano più uguali degli altri.Più o meno tranquilli, grazie alle loro aderenze i dignitari cristiani, mandavano al macello le pecore, decantando i benefici spirituali della morte tra le torture.

È incredibile l’attualità di tutto ciò se pensiamo alla doppiezza con cui i chiericuti di oggi condannano le guerre per poi benedire gli eserciti e le bandiere. Noi ci arricchiamo con le banche armate e voi partite per il fronte.

La glorificazione dei più folli, assurdi patimenti è in bocca a coloro che mai hanno veramente sofferto e aborrono anche solo da una lieve pena.

Come cantavano gli Afterhours ne “La ballata dei topi”:

“Scienziatelli musicali studian cornamuse anali all’interno delle proprie ricerche personali producendo disgustosi festival delle interiora dove cercan di insegnarti che a soffrire si migliora”.

Effetto Covid ricchi e poveri mai così distanti

 

 

Leggi anche

Alexandro Sabetti
Alexandro Sabetti
Vice direttore di Kulturjam.it -> Ha scritto testi teatrali e collaborato con la RAI e diverse testate giornalistiche tra le quali Limes. Ha pubblicato "Il Soffione Boracifero" (2010), "Sofisticate Banalità" (Tempesta Editore, 2012), "Le Malebolge" (Tempesta Editore, 2014), "Cartoline da Salò" (RockShock Edizioni)

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli