Quotidiano on-line ®

20.9 C
Rome
mercoledì, Agosto 17, 2022

E intanto il Governo sta bluffando sul salario minimo

Mentre si consuma la crisi di governo, al tavolo di Draghi il salario minimo diventa un salario “al minimo”, come in tutti gli ultimi trent’anni. Tante chiacchiere, zero soldi.

Di Giorgio Cremaschi.

Il Governo sta bluffando sul salario minimo

Torna una vecchia usanza: un governo in difficoltà e impopolare chiama in suo soccorso CGILCISLUIL, sempre disponibili.

Nell’incontro con le confederazioni sindacali, Draghi ha coperto di parole le sue politiche confindustriali e guerrafondaie. E soprattutto ha unificato tutte le false promesse nella proposta di un altro patto sociale.
Ancora? Che scarsa fantasia da banchiere.

È dal luglio 1992 – Presidente del Consiglio Giuliano Amato, direttore generale del Tesoro Mario Draghi – che le relazioni sociali in Italia sono nella gabbia dei patti sociali. E dopo trent’anni il salario e le condizioni di lavoro sono sprofondate. Altro che nuovi patti, c’è bisogno per il lavoro di risalire la china delle paghe da fame , della precarietà e dallo sfruttamento in cui è precipitato.

Non credo però che CGIL-CISL-UIL faranno un bilancio di trent’anni di patti subalterni e dannosi per i lavoratori e che così cambino linea. Lo dimostra l’imbroglio che con Draghi e Orlando stanno costruendo sul salario minimo.

È pazzesco quanto si possa girare attorno alle parole per svuotarle di significato, anzi per arrivare all’opposto di ciò che dovrebbero voler dire.

Salario minimo vuol dire stabilire per legge una paga dignitosa, in modo che nessun accordo, nessun contratto, possa dare meno di essa. Che danno avrebbe da questa misura una contrattazione onesta? Nessuno, anzi è chiaro che dato un minimo decoroso a chi ha le paghe vergognosamente basse, poi la contrattazione per migliorare le paghe di tutti ne sarebbe solo rafforzata.

Invece CISL si UIL si oppongono ad un salario minimo per legge, mentre la CGIL dice tutto ed il suo contrario, ma nei fatti sta con le prime due.

Così sta nascendo un pasticcio che sostanzialmente dice che il salario minimo sono i contratti, naturalmente quelli firmati da CGIL-CISL-UIL.

Sì ma quanto dovrebbe essere questo salario minimo? Qui Draghi e confederali tacciono, l’unica che parla è la Confindustria che dice che non dovrebbe essere troppo alto. Sì ma quanto, visto che ci sono milioni di lavoratori che sono pagati 6/7 euro lordi ora; e non con contratti pirata ma con quelli di CGIL-CISL-UIL?

Ecco dove casca l’asino del patto sociale. Se si vogliono aumentare davvero i salari, allora ci vuole un salario minimo di almeno 10 euro all’ora, da rivalutare con l’inflazione. Così salirebbero effettivamente tutte le retribuzioni, non solo quelle basse, ma anche quelle medie.

Invece al tavolo di Draghi il salario minimo diventa un salario “al minimo”, come in tutti gli ultimi trent’anni. Tante chiacchiere, zero soldi.

Sostieni Kulturjam

Kulturjam.it è un quotidiano indipendente senza finanziamenti, completamente gratuito.

I nostri articoli sono gratuiti e lo saranno sempre. Nessun abbonamento.
Se vuoi sostenerci e aiutarci a crescere, nessuna donazione, ma puoi acquistare i nostri gadget

Sostieni Kulturjam, sostieni l’informazione libera e indipendente.spettacolo

VAI AL LINK – Kulturjam Shop

kj gadget

Leggi anche

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli