Quotidiano on-line ®

20.9 C
Rome
mercoledì, Agosto 17, 2022

Epurazioni a Kiev, la sovrastima degli HIMARS e i dubbi americani

Fornitura occidentale di armi all’Ucraina, HIMARS, munizioni e le improvvise epurazioni a Kiev ordinate da Zelensky e approvate a Washington.

Epurazioni a Kiev e i dubbi americani

Negli ultimi giorni, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha epurato una serie di personaggi di rilievo nel suo governo, con l’approvazione pubblica da parte dell’amministrazione Biden. La scossa interna al governo di Kiev segnala molteplici cose.

1. Questa iniziativa è stata concordata con gli Stati Uniti e ciò significa che gli americani non sono contenti di qualcosa. Il caso più probabile è la gestione delle armi occidentali e, soprattutto, la corruzione che circonda la vendita di armi NATO al mercato nero.

2. Zelensky sta arginando le voci di un tentativo di cambiamento (colpo di stato?) all’interno del proprio governo. I nazionalisti vogliono prendere il sopravvento e inasprire il conflitto?

3. C’è un motivo per cui la Russia non ha cercato di liberarsi di Zelensky: per Mosca la sua incompetenza e cattiva gestione è utile. Un colpo di stato dei nazionalisti metterebbe la Russia in una posizione più dura.

Gli USA hanno sostenuto Zelensky fin troppo per sostenere un colpo di stato contro di lui, e investito fin troppe risorse inella sua campagna.

La propaganda del governo statunitense ha reso il presidente ucraino un eroe della stampa occidentale e la sua posizione deve essere mantenuta; quindi un tentativo di colpo di stato sarebbe altamente destabilizzante e per questo si è preferito procedere con le epurazioni preventive.

Cosa si sono detti Biden e Zelensky?

Armi, HIMARS e munizioni

L’Ucraina è ora molto vicina a esaurire completamente le forniture di munizioni di calibro sovietico e dunque Kiev ora dipende completamente dalle forniture di munizioni occidentali per mantenere le sue forze sul campo di battaglia. Questo rappresenta un problema enorme e dà agli Stati Uniti ancora più controllo sul conflitto.

I sistemi HIMARS hanno ricevuto attenzione mediatica in tutto il mondo. I media li hanno trasformati in un’arma delle meraviglie. I fatti sul campo sono tuttavia diversi: si tratta effettivamente di un sistema missilistico di precisione, ma non riesce a cambiare la posizione sul terreno.

L’offensiva e l’avanzata della Russia continua metodicamente. Il punto è che la NATO non può fornire l’arma che cambierebbe effettivamente la situazione sul terreno, cioè l’artiglieria.

Ucraina, non esistono superarmi che modificano l'andamento di un conflitto (HIMARS compresi)

L’esercito ucraino sta subendo pesanti perdite per l’artiglieria russa. Non ha forza di contrasto e non può eguagliare la potenza di fuoco russa.

La NATO al momento non può eguagliare la capacità produttiva della Russia quando si tratta di artiglieria/munizioni a causa dei costi e della mancanza di infrastrutture per farlo.

La produzione e l’approvvigionamento di armi della NATO non ha mai affrontato problemi del genere poichè ha sostenuto o partecipato a conflitti con paesi che non potevano resistere economicamente ad un attacco sul loro territorio e non avevano grandi alleati a sostenerli e difenderli.

Ora questa carenza organizzativa è al centro di analisi.

Il fiume incontrollato di armi in Ucraina e i pericoli futuri per Zelenky

ASB Military News

 

Sostieni Kulturjam

Kulturjam.it è un quotidiano indipendente senza finanziamenti, completamente gratuito.

I nostri articoli sono gratuiti e lo saranno sempre. Nessun abbonamento.
Se vuoi sostenerci e aiutarci a crescere, nessuna donazione, ma puoi acquistare i nostri gadget.

Sostieni Kulturjam, sostieni l’informazione libera e indipendente.

VAI AL LINK – Kulturjam Shop

KJ gadget 4

Leggi anche

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli