Quotidiano on-line ®

20.9 C
Rome
mercoledì, Agosto 17, 2022

Il nulla che avanza: Calenda mette veti a tutti, tranne a se stesso, “Pronto a candidarmi premier”

Calenda sta dettando le sue condizioni a tutti, dall’alto del suo misterioso peso elettorale. Non gli va bene niente tranne se stesso. E infatti vorrebbe candidarsi premier. Ma i voti?

Calenda mette veti a tutti, tranne a se stesso

Carlo Calenda è un leader immaginario, come il grande centro, fulcro del Patto Repubblicano, di cui vaneggia da settimane. Cioè l’idea propinata dai soliti noti che occorra ricostituire e guidare una forza politica alternativa alla destra, alla sinistra e ai ‘populismi’.

Perchè questa necessità? La risposta è un totem della politica italiana: perchè “le elezioni si vincono al centro”. Questo principio va assunto come motto di spirito, come dogma, va accolto così com’è, indipendentemente dai numeri, dai fatti: è così e basta. Lo dicono loro.

Loro chi? I centristi e la grande stampa che li ama. Abbiamo illustri rappresentanti del progetto “grande centro” , con percentuali elettorali condominiali, che vengono intervistati ogni 3 minuti, stanno in tv tutti i giorni, indicano la via e la strategia.

Roba che se dedicassero lo stesso spazio a partiti come Potere al Popolo, Rifondazione et similia, oltre che al “grande centro” si parlerebbe già di “pericolo soviet”, ma questi son dettagli.

Ovviamente tutto questo è spiegabilissimo con la strategia parassitaria di quest’idea politica, che punta esplicitamente alla palude istituzionale, eliminando le ali estreme, sapendo che la destra vincerà le elezioni facilmente, ma avrà difficoltà enormi a governare , e dunque l’importante è esserci, pronti a entrare in gioco in qualsiasi momento.

In questa fase Calenda è il più cercato dalle tv, come fosse il nuovo che avanza, nonostante sia già stato dentro montezemoliano in Confindustria e Ferrari,  a Sky, poi con Monti, poi viceministro di Letta e Renzi, poi Europarlamentare eletto col Pd e poi scaricato- ma conservando la poltrona- per formare il suo “Azione”.

E Calenda sta dettando le sue condizioni a tutti, dall’alto del suo misterioso peso elettorale. Ha fatto sapere che non vuole interloquire con le “frattaglie di sinistra” tipo Fratoianni, nemmeno con gli altri centristi immaginari di Di Maio, e che non gradisce Letta come candidato leader. Al limite, tossendo distrattamente, se Draghi non volesse essere il candidato, lo può fare lui stesso. L’ha detto veramente.

“Noi pensiamo a un governo Draghi bis con una forte componente riformista e ci candidiamo a far questo, ma un Paese non si può fermare solo ad una persona. Per cui se domani Draghi dicesse che non è disponibile, allora mi candiderei io. “

Carlo Calenda sembra non accontentarsi mai. Nemmeno con sé stesso.

In una sua fase tardo ministeriale  si produsse in una affascinante e aulica confessione: per 30 anni ho ripetuto le cazzate del liberismo.

Affidabile no? Ora ha cambiato idea e con il suo Patto Repubblicano siglato con +Europa, è tutto schierato con l’Agenda Draghi, cioè il non plus ultra del liberismo.

Dunque cosa vuole Calenda? I più subdoli suggeriscono che si tratti di poltronite acuta, una vecchia sindrome democristiana.

Ma qui arriviamo alle note dolenti: il più grosso problema per il progetto politico di centro resta quello dei voti che mancano. Già, perchè nonostante la presenza ossessiva in tv, sui giornali e le orde di influencer che lo fanno apparire dominante sui social, nessuno sa quale sia la reale presa elettorale del leader di Azione.

Ha avuto un buon risultato a Roma, con un 17% che comunque lo ha tenuto fuori dal ballottaggio. Ma a livello nazionale?

Appena terminate le elezioni amministrative del 12 giugno il Corriere lo ha intervistato (strano, vero?): “Calenda è soddisfatto del risultato?”

La risposta è un capolavoro che racchiude tutto quello che abbiamo detto fino ad ora, in termini numerici: “Abbiamo un’affermazione che va dal 10 al 25%, se si considerano L’Aquila, Palermo, Catanzaro e Parma, i quattro capoluoghi di provincia in cui noi abbiamo fatto la scelta molto radicale di andare da soli”.

Se invece vi va di perdere qualche istante e andate a leggere i risultati reali su Youtrend, in quelle città Calenda, con il collaudato sistema renziano, ha appoggiato candidati arrivati secondi o terzi insieme ad altre liste, o non ha presentato il simbolo. Il risultato reale a livello nazionale è stato lo 0,4%.

Siamo di fronte a una vera supercazzola che nasconde lo scappellamento a destra, contrariamente a quello a sinistra del conte Mascetti.

Sostieni Kulturjam

Kulturjam.it è un quotidiano indipendente senza finanziamenti, completamente gratuito.

I nostri articoli sono gratuiti e lo saranno sempre. Nessun abbonamento.
Se vuoi sostenerci e aiutarci a crescere, nessuna donazione, ma puoi acquistare i nostri gadget.

Sostieni Kulturjam, sostieni l’informazione libera e indipendente.

VAI AL LINK – Kulturjam Shop

KJ gadget 4

Leggi anche

Alexandro Sabetti
Alexandro Sabetti
Vice direttore di Kulturjam.it -> Ha scritto testi teatrali e collaborato con la RAI e diverse testate giornalistiche tra le quali Limes. Ha pubblicato "Il Soffione Boracifero" (2010), "Sofisticate Banalità" (Tempesta Editore, 2012), "Le Malebolge" (Tempesta Editore, 2014), "Cartoline da Salò" (RockShock Edizioni)

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli