14.4 C
Rome
lunedì 24 Gennaio 2022
NewsIlaria Cucchi: 'La sentenza d’Appello dice tanto di più di quello che...

Ilaria Cucchi: ‘La sentenza d’Appello dice tanto di più di quello che ho letto’

Ilaria Cucchi commenta la sentenza d’appello del processo per l’omicidio di suo fratello Stefano, dopo la pubblicazion delle motivazioni. Il 22 la VII edizione del memorial.

Di Checchino Antonini per Popoff Quotidiano

Ilaria Cucchi: «Leggete bene quella sentenza»

«Ingiustificata e sproporzionata». Così i giudici della Corte d’Assise d’Appello definiscono il pestaggio subìto da Stefano Cucchi nelle motivazioni con cui il 7 maggio scorso, nell’ambito del processo bis sulla morte del geometra romano, hanno condannato a 13 anni di carcere per omicidio preterintenzionale i due carabinieri Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro accusati dell’aggressione del giovane romano morto nel 2009.

I giudici hanno condannato anche il carabiniere Roberto Mandolini per falso e a due anni e mezzo e sempre per falso, Francesco Tedesco, il militare che con le sue dichiarazioni aveva fatto luce sul quanto avvenuto nella caserma Casilina la notte dell’arresto di Cucchi.

«La vittima è colpita con reiterate azioni ingiustificate e sproporzionate, rispetto al tentativo dell’arrestato di colpire il pubblico ufficiale con un gesto solo figurativo – scrivono nel documento – inserito in un contesto di insulti reciproci inizialmente intercorsi dal carabiniere Di Bernardo e l’arrestato, che, nel dato contesto esprime il semplice rifiuto di sottoporsi al fotosegnalamento».

Per i giudici romani «può ritenersi accertata la sproporzione tra l’alterco insorto tra Di Bernardo e Cucchi rispetto alla portata dell’aggressione da quest’ultimo patita alla quale partecipò D’Alessandro».

Caso Cucchi, in appello tutti condannati i carabinieri coinvolti

In merito all’aggravante dei futili motivi «le violente modalità con cui è stato consumato il pestaggio ai danni dell’arrestato, gracile nella struttura fisica, esprimono una modalità nell’azione che ha ‘trasnodato’ la semplice intenzione di reagire alla mera resistenza opposta alla esecuzione del fotosegnalamento». Questo lo scarno dispaccio delle agenzie a ridosso della pubblicazione della sentenza sul clamoroso episodio di malapolizia.

«La sentenza della Corte di Assise d’Appello dice tanto di più di quello che ho letto», scrive Ilaria Cucchi il giorno successivo, richiamando subito questo passaggio: “Occorre porre l’attenzione sui luoghi e tempi in cui si è manifestata le reiterazione dei colpi inferti dai soggetti attivi alla vittima del delitto, sulle afflizioni effettivamente inferte alla vittima e sulla condotta oppositiva posta in essere dalla vittima”.

«La sentenza parla di “futili motivi“ per quel violentissimo pestaggio.Denuncia “un dolo d’impeto” di un’azione criminale “risultata idonea a determinare sofferenze gratuite per le gravissime lesioni provocate alla vittima che era attinta da violente percosse per futili motivi…”, “con percosse attraverso modalità lesive che si esprimono con ripetute azioni lesive che hanno dimostrato una pluralità di azioni particolarmente aggressive” inflitte su una vittima ‘gracile’ ed ‘in vinculis’ che non poteva costituire ‘pericolo’ per sè e per nessuno”.

La sorella di Stefano, che da quel giorno di ottobre del 2009 non ha mai smesso di battersi per verità e giustizia, dice ancora: «I giudici poi puntano il dito sul fatto che “altri soggetti coinvolti nella vicenda Cucchi possano essere stati presi di mira da più estesi intenti afflittivi nell’ambito degli approfondimenti che si impongono per le ulteriori vicende giudiziarie (allo stato non definite) relative ai cosiddetti depistaggi”».

Caso Cucchi, in appello tutti condannati i carabinieri coinvolti

«Ma non finisce certo qui la sentenza: perchè la condanna agli imputati è stata aumentata a 13 anni? Perchè “assumono rilevanza taluni comportamenti tenuti dai soggetti dopo la morte della vittima”.

Non può essere trascurato” ciò che emerge dalle intercettazioni “connotate dalla volontà di compiacersi per lo stato in cui era stata ridotta la vittima del pestaggio”. La Corte afferma che ciò è “indicativo dei tratti interiori che fin dall’inizio erano presenti negli aggressori quale spinta della condotta afflittiva in concreto sviluppatasi al di fuori di una azione impulsiva”!! Se non vi è abbastanza chiaro che il sadismo criminale dei condannati ha mosso la loro violenza omicida lo è allora il fatto che quando noi famigliari piangevamo la morte di Stefano i suoi assassini si compiacevano del loro operato su di lui? Questa è la sentenza signori miei e non ciò che ho letto ieri».

Leggi l’articolo integrale su Popoff Quotidiano

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli