Quotidiano on-line ®

23.5 C
Rome
giovedì, Luglio 7, 2022

Canzoni necessarie: ‘I need you’ degli America

Esistono canzoni spalancate sull’infinito, altre immerse nel quotidiano, alcune intrise di poesia e altre ancora cucite coi nostri nervi: I need you è la canzone necessaria degli America.

“I need you” degli America

Il 29 dicembre del 1971 usciva l’album di debutto degli America. Fu un grande successo, più volte bissato. Quando io ero ragazzo, e pure imperversava la new wave, non c’era casa dove non vi fosse questo disco e anche il Greatest Hits della band diDewey Bunnell, Dan Peek e Gerry Beckley, credo uno dei greatest hits più venduti di tutti i tempi.

Loro erano britannici, figli di militari americani di stanza a Londra, e per tutta la decade sfornarono grandi successi pop, inizialmente intinti nel folk e nel country-rock dell’epoca, via via sempre più “adult oriented”.

Non furono mai presi molto sul serio dalla critica più paludata, erano trattati un po’ come dei Crosby Stills & Nash di serie B ma sono stati la colonna sonora della vita e degli amori di tanti giovani di quegli anni e le loro canzoni non avevano nulla da invidiare a quelle del miglior Elton John e di James Taylor.

Insomma, sgombriamo il campo dagli equivoci: gli America sono stati autori di tanti gioiellini pop che sono rimasti nel tempo come testimonianza di un’epoca forse ingenua, fricchettona, figlia della controcultura e del mondo hippy ma senza eccessi.

Il loro album migliore è il successivo Homecoming, del 1972, dove si cimentavano con una notevole cover di John Martyn (“Head and Heart”) e con “Only in your heart” resuscitavano, sì, i Beatles, per poi donarci uno dei classici del decennio, e una delle più belle canzoni pop di sempre, che era Ventura Highway.

Invece, nel primo album, quello che oggi compie 50 anni, all’inizio non c’era la hit A horse with no name, che ancora si sentiva negli sharp nel mio liceo quando vi misi piede, all’inizio degli anni ’80. Vi fu inserita un anno dopo. C’era però questa canzone, I need you. Che solo se siete senza cuore, non ci avete mai pianto sopra nemmeno una volta.

Portava la firma del dotatissimo e sottovalutato Gerry Beckley, autore stimato da Jimmy Webb e cresciuto a pane e Beach Boys, ma anche a pane e Bee Gees (i primi, quelli di “New York Mining Disaster 1941”). E, naturalmente, a pane e McCartney.

America -I need you

 

 

Testo e traduzione

We used to laugh, we used to cry
We used to bow our heads then, wonder why
And now you’re gone, I guess I’ll carry on
And make the best of what you’ve left to me
Left to me, left to me

I need you like the flower needs the rain
You know I need you, guess I’ll start it all again
You know I need you like the winter needs the spring
You know I need you, I need you

And every day, I’d laugh the hours away
Just knowing you were thinking of me
And then it came that I was put to blame
For every story told about me
About me, about me

I need you like the flower needs the rain
You know I need you, guess I’ll start it all again
You know I need you, I need you

I need you like the winter needs the spring
You know I need you, guess I’ll start it all again
You know I need you, I need you

 

Foto RadioMontecarlo

 

Eravamo soliti ridere, eravamo soliti piangere
Eravamo soliti chinare la testa allora, chiedersi perché
E ora te ne sei andata, immagino che andrò avanti
E farò il meglio di quello che mi hai lasciato
Mi hai lasciato, mi hai lasciato

Ho bisogno di te come un fiore ha bisogno della pioggia
Lo sai che ho bisogno di te, immagino che comincerò di nuovo
Lo sai ho bisogno di te come l’inverno ha bisogno della primavera
Lo sai che ho bisogno di te, ho bisogno di te

E ogni giorno, ridevo a ore di distanza
Solo sapendo che pensavi a me
E poi venne che fui incolpato
Per ogni storia raccontata su di me
Su di me, su di me

Ho bisogno di te come un fiore ha bisogno della pioggia
Lo sai che ho bisogno di te, immagino che comincerò di nuovo
Lo sai che ho bisogno di te, ho bisogno di te
Ho bisogno di te come l’inverno ha bisogno della primavera
Lo sai che ho bisogno di te, immagino che comincerò di nuovo
Lo sai che ho bisogno di te, ho bisogno di te

Ho bisogno di te come un fiore ha bisogno della pioggia
Lo sai che ho bisogno di te, immagino che comincerò di nuovo
Lo sai che ho bisogno di te, ho bisogno di te
Ho bisogno di te come l’inverno ha bisogno della primavera
Lo sai che ho bisogno di te, immagino che comincerò di nuovo
Lo sai ho bisogno di te, ho bisogno di te

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

Mario Colella
Mario Colella
Garibaldino

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli