Quotidiano on-line ®

26.7 C
Rome
giovedì, Agosto 11, 2022

Marotta in stand by: dopo la partenza a razzo il mercato nerazzurro è bloccato. Cosa succede?

L’Inter non riesce a fare cassa e alcune operazioni che parevano solo da annunciare, hanno preso tutt’altra piega. Marotta in difficoltà?

Mercato nerazzurro, i conti che non tornano mai

Era l’8 giugno quando il procuratore di Dybala, Jorge Antun, entrò nella sede dell’Inter per formalizzare l’offerta dei nerazzurri per l’ingaggio dell’attaccante argentino.

Da quel momento ogni giorno era buono per l’annuncio dell’ingaggio della Joya da parte dell’Inter. Sembrava tutto fatto, tutto scontato, tutto pronto, tutto perfetto, un finale già scritto, un matrimonio manco da celebrare solo da annunciare.

Infatti a distanza di 40 giorni l’argentino ha finalmente firmato. Per la Roma. Nelle ultime 48 ore tutto è cambiato, come spesso accade in sede di mercato, è l’argentino ha deciso di sposare la causa dei giallorossi e di farsi allenare dal vate di Setubal Jose Mourinho.

Cosa è accaduto? Non lo sapremo mai che cosa sia veramente accaduto. Chi dice che Marotta abbia abbandonato, dopo averlo sedotto, Dybala e chi dice che l’argentino si sia stufato dei tentennamenti interisti ed abbia deciso di andare altrove.

Sicuramente l’Inter non è riuscita a cedere due attaccanti dei tre candidati alla cessione. Sanchez, con un ingaggio assurdo, che ha rifiutato qualunque destinazione gli sia stata proposta, Dzeko che pare non voglia andare via, sempre che abbia delle offerte, e Correa che è incedibile. Nel senso che nessuno lo vuole.

In realtà ci sarebbe un allenatore che vorrebbe Correa ma è Simone Inzaghi che vuole sia l’allenatore dell’Inter. Per cui se non si liberavano questi slot l’argentino non poteva essere ingaggiato.

Diciamo per dovere di cronache che alla voce uscite dall’Inter non esce mai nessuno. A parte De Gregorio al Monza e Gravillon al Stade Reims non è andato via nessuno.

Chi è andato via, a parte i due giocatori appena citati, non ha portato un euro nelle casse interiste. E quando hai una proprietà che ti fa fare il mercato con zero euro può diventare un problema. Sempre che qualcuno non creda ancora all’arrivo di Arabi in groppa a dromedari. Non cammelli come impropriamente detto.

Per cui Marotta si è trovato ingolfato e non ha potuto affondare il colpo. Il problema è che a distanza di poche ore il popolo interista potrebbe dover ingoiare un rospo molto più difficile da digerire. L’altro giocatore che è, oppure che era, in procinto di indossare la maglia nerazzurra, il brasiliano attualmente al Torino Bremer, rischia di passare in maglia bianconera. Non all’Ascoli ma alla Juventus.

E questo sarebbe davvero uno smacco clamoroso perchè l’Inter potrebbe ritrovarsi senza Bremer e pure senza Skriniar che potrebbe passare ai francesi del PSG.

Quindi con la difesa praticamente smontata. Rischio che più passano le ore e più diventa reale. L’offerta per il brasiliano è stata formalizzata ma pare che la Juventus, che ha ceduto al Bayern De Light per ben 80 milioni di euro, abbia intenzione di rilanciare con un cash più consistente. E visto che dalle parti di Viale della Liberazione non hanno nessuna intenzione di fare aste Bremer potrebbe rimanere a Torino ma cambiare semplicemente sponda.

Per la gioia anche dei tifosi granata. In poche ore il mercato dell’Inter da ottimo potrebbe diventare disastroso. Non dimentichiamo che il direttore Marotta aveva preso l’impegno di consegnare la squadra pronta all’allenatore Inzaghi il 30 giugno.

Siamo al 18 luglio e molte caselle sono ancora da sistemare. È vero che il mercato finirà ufficialmente il 31 agosto ma, per quella data, si saranno già giocate quattro giornate di campionato a causa del Mondiale in Qatar che si disputerà a novembre. E’ impensabile che l’Inter aspetti gli ultimi giorni di mercato per sistemare la squadra.

Vorrebbe dire regalare un vantaggio agli avversari che difficilmente verrebbe colmato. Riuscirà Marotta a riportare la barra a dritta della corazzata interista? Lo vedremo. Di sicuro, soprattutto in questi giorni, dovrà dimostrare di essere davvero il numero uno, con i fatti, e non solo con le parole.

Sostieni Kulturjam

Kulturjam.it è un quotidiano indipendente senza finanziamenti, completamente gratuito.

I nostri articoli sono gratuiti e lo saranno sempre. Nessun abbonamento.
Se vuoi sostenerci e aiutarci a crescere, nessuna donazione, ma puoi acquistare i nostri gadget

Sostieni Kulturjam, sostieni l’informazione libera e indipendente.

VAI AL LINK – Kulturjam Shop

kj gadget

Leggi anche

Enrico Zerbo
Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli